Durante (M5S): “Spacca e la sinistra hanno tagliato il sociale”

di 

20 maggio 2015

Henry Domenico Durante

Henry Domenico Durante

Henry Domenico Durante*

PESARO – I finanziamenti alle leggi sociali sono pari a zero. Parlo delle Leggi Regionali 43/88, 7/94, 18/96, 30/98, 9/03, 28/08, 13/09 e 24/11. Sono leggi che regolano le funzioni dell’assistenza sociale comunale, gli interventi in favore delle persone con disabilità, in favore delle famiglie, a sostegno dei servizi per l’infanzia e i minori, questi alcuni esempi utili a renderci conto della gravità che riguarda l’azzeramento di servizi e gran parte degli assetti organizzativi.

La variazione di bilancio del 9 aprile operata da Spacca, che dice di aver recuperato 7 milioni di euro, è nulla di fronte al taglio di 35 milioni che ha effettuato!

Io non so che mossa sia, perché è impensabile che ad oggi chiudano tutti questi servizi essenziali e allora mi domando se non sia una manovra puramente politica utile ad avere qualcosa da “promettere” in campagna elettorale. Per la serie “prima taglio e poi prometto di ripristinare”, forse usando questo argomento presso i tavoli di confronto “privati” che il PD ama tenere, perché si guardano bene da volere confronti pubblici magari col contraddittorio.

Ovviamente il PD dirà che non c’entra nulla, nonostante abbia governato fino a ieri con Spacca, il quale a sua volta dirà che è stata colpa del PD ed ecco perché ha deciso di passare dall’altra parte politica. Il solito teatrino stanco della politica cara ai partiti che vantano ancora indagati tra le loro liste.

Fatto sta che non si può trattare così malamente un argomento che merita rispetto e per il quale la parola “taglio” non deve assolutamente esistere!

Dove si trovano i soldi? Semplice! Una volta entrati in Regione si può cominciare per esempio evitando di spendere 490 mila euro “per gli interventi connessi alla partecipazione di Expo 2015”, si possono tagliare “gli esperti addetti al gabinetto del Presidente” che costano 150 mila euro, giusto per citarne due, ma ce ne sono molte altre di voci che farebbero risparmiare milioni di euro. Magari andando a mettere mano a tutti quei contributi straordinari che nascondono contribuzioni a pioggia utili ai fini elettorali, devastanti per la razionalizzazione delle risorse e che spesso non sono indispensabili come le politiche sulla famiglia, sociale, lavoro e PMI.

*Candidato consigliere regionale M5S

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>