L’abbraccio di Urbino a don Luigi Ciotti: “Grazie a questi ragazzi che sognano un domani diverso”. Le foto

di 

20 maggio 2015

URBINO – Grande accoglienza nella sede dell’ISIA per don Luigi Ciotti. Ieri pomeriggio tanti giovani ad ascoltare il fondatore di Libera, all’incontro era presente anche il presidente dell’istituto per il design della comunicazione, Nando dalla Chiesa.

Quasi due ore di “lectio” che ha catalizzato l’attenzione di tutti i presenti. Appena terminata, riusciamo a strapparlo dai selfie di rito per qualche battuta sull’incontro.

Don Ciotti, ha parlato di comunicazione, comunicazione che deve essere essenziale, che deve spiazzare. Sono questi segreti per trasmettere la sua missione? Cosa ha detto ai tanti giovani presenti?
“Sono i giovani che comunicano a me; con i loro sguardi, le loro passioni, i loro interrogativi e i loro dubbi e della sana rabbia. Devo cogliere la loro comunicazione, che pone a me delle domande. Dobbiamo creare un patto generazionale in cui è necessario lavorare insieme per il cambiamento. Far emergere le cose belle e trovare il coraggio di denunciare le cose che non vanno bene.

Cosa si porterà a casa di questo pomeriggio nell’ex convento di Santa Chiara, oggi sede dell’ISIA?
“Una sala carica di gente e la meraviglia di questi ragazzi che sognano un domani diverso. Sento dentro la mia coscienza che questa società non deve preoccuparsi dei giovani ma deve occuparsene un po’ di più”.

Poi, come “risucchiato” dai presenti, si è dedicato a scatti, saluti e scambio di pensieri prima di ripartire.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>