Minardi, Marcolini e Marchegiani incontrano la cultura: “Dobbiamo metterci in rete”

di 

21 maggio 2015

Minardi, Marcolini e Marchegiani incontrano la cultura

Minardi, Marcolini e Marchegiani incontrano la cultura

FANO – “Per le Marche siamo alla vigilia di un reset impegnativo: politico, finanziario e per le funzioni che dalla Provincia passeranno alla Regione”. Pietro Marcolini si presenta al Mocambo di Fano con una corposa dote di documenti sotto mano. Ad attenderlo, insieme a tanti operatori culturali di Fano e provincia, il candidato PD al Consiglio Regionale Renato Claudio Minardi con il quale, negli anni, si è trovato spesso a collaborare proficuamente unendo cultura e turismo.

Più che un incontro politico, è stata una vera e propria occasione di confronto, un modo per parlarsi, che Minardi non vuole veder sprecato: “Prendiamoci l’impegno – ha spiegato – di vederci più volte all’anno, per chiarire insieme opportunità, strategie e progettualità. Fano, specialmente, deve uscire dall’isolamento avuto negli ultimi anni”. Marchegiani, segretario PD e assessore alla Cultura del Comune di Fano, lancia l’appello: “Sarà ancora più importante che, nella futura maggioranza regionale, ci sia un interlocutore del territorio fanese come Minardi pronto, grazie alla sua esperienza, a lavorare con idee chiare fin da subito”. Marcolini allora snocciola dati, bilanci, progetti, sottolineando come “la cultura contribuisca anche all’innovazione dei settori produttivi” e diventi “marketing culturale, coraggioso, capace di creare occasioni di lavoro”.

Musica, teatro sociale, innovazione, formazione e vocazioni territoriali, finanziamenti pubblici da aumentare, mondo universitario, associazionismo culturale, cultura come coesistenza e coesione civile: i temi affrontati dai diretti interessati presenti sono stati molteplici, sentiti, dettagliati. “Molti operatori culturali si trovano a svolgere un lavoro alla stregua del volontariato: ci sono 1200 milioni di fondi europei da cui anche la cultura dovrà poter attingere – ha spiegato Minardi -. Ma questo lo decideranno i consiglieri regionali presenti. Fano deve essere protagonista e lo deve fare con progetti di qualità, diventando un riferimento anche per le Vallate: dobbiamo metterci in rete. Turismo e cultura sono collegati, hanno bisogno l’uno dell’altra, possono lavorare insieme. Serve un progetto unico che valorizzi il territorio. La valorizzazione culturale porta turisti. La cultura è economia, crea occasioni di sviluppo e lavoro”.

Le Province saranno esautorate da alcune importanti funzioni. “E la Regione avrà un nuovo ruolo di coordinamento e sintesi – ha sottolineato Minardi – Mi sono impegnato pubblicamente a fare recapito in molti centri della provincia, andrò periodicamente nei territori ad ascoltare i cittadini. In Regione si decideranno diverse sorti: dalla Sanità alla Fano-Grosseto, la risposta strategica, anche per gli importanti risvolti culturali e turistici che potrà unire Firenze a Urbino, il Tirreno all’Adriatico”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>