Ridolfi, dopo l’interrogatorio in carcere concessi i domiciliari

di 

21 maggio 2015

#iostoconridoPESARO – Giacomo Ridolfi è stato ascoltato stamattina dal giudice per le indagini preliminari. Alla presenza degli avvocati Di Campli e Mariani, ma non del Pm, il 21enne pesarese ha risposto a ogni domanda rigettando al mittente qualsiasi accusa di combine. Ha ammesso di aver fatto qualche scommessa online ma su partite di basket e di pallavolo, spiegando comunque di non avere mai contribuito in alcun modo ad alterare nessuna partita di calcio.

Anche perché – va ricordato – in tutta la stagione corrente Ridolfi ha giocato solamente sette partite con la maglia del Santarcangelo, di cui solamente una da titolare.

Il giudice ha deciso nel pomeriggio di concedergli i domiciliari. Il tutto mentre a Pesaro – tra amici, conoscenti e non solo – si è sviluppata una solidarietà trasversale, con tanto di hashtag lanciato #iostoconrido.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>