Cultura ebraica, a giugno riapre il percorso cittadino pesarese

di 

29 maggio 2015

 

La Sinagoga di Pesaro

La Sinagoga di Pesaro

PESARO – Con il mese di giugno, riapre il percorso cittadino della cultura ebraica composto dalla sinagoga e dal Cimitero Ebraico visitabili gratuitamente il giovedì pomeriggio, come di consueto ormai da diversi anni. Si parte dunque giovedì 4 giugno.

Dopo aver fatto parte del “pacchetto culturale” della Stradomenica, con la stagione estiva, la sinagoga di via delle Scuole torna ad essere visitabile – fino al 17 settembre – ogni giovedì dalle 17 alle 20, grazie anche alla preziosa collaborazione della Delegazione di Pesaro e Urbino del FAI Fondo per l’Ambiente Italiano.

Collocata nel cuore dell’antico quartiere ebraico, la sinagoga sefardita (o di rito spagnolo) è uno degli edifici storici più suggestivi del centro che risale alla metà del XVI secolo. E’ questo un periodo d’oro per Pesaro che vede il suo porto ampliato, per boicottare quello di Ancona, da Guidubaldo II Della Rovere. In città accorrono molti ebrei portoghesi che hanno l’esigenza di continuare i propri studi mistici; e infatti la struttura in cui è inglobata la sinagoga (o scola, termine con cui un tempo si indicava appunto la sinagoga), ospitava anticamente le scuole di studi cabalistici, di musica e materna. All’interno dell’edificio si possono ammirare ancora oggi gli elementi architettonici legati alle funzioni che quel luogo svolgeva per la comunità, come il forno per la cottura del pane azzimo o la vasca per i bagni di purificazione.

Cimitero Ebraico

Cimitero Ebraico

Accanto alla sinagoga, anche il Cimitero Ebraico (strada panoramica San Bartolo c/o n. 161), è visitabile da giugno a settembre sempre il giovedì, dalle 17 alle 19 (info Ente Parco Naturale Monte San Bartolo 0721 400858, 333 3587282). Per raggiungerlo bisogna uscire dal centro e arrivare in Panoramica. Adagiato sulle pendici del colle San Bartolo, fino a metà novecento, lo spazio appariva come una scoscesa pendice campestre con rade alberature, nel 2002 è stato recuperato dalla Fondazione Scavolini che ne ha reso possibile la fruizione. Fra l’intrico di rovi affiorano più di 100 monumenti funerari realizzati con pietre locali, soprattutto calcare di Piobbico e più raramente arenarie, o marmi.

Info per Sinagoga 0721 387541, per Cimitero 335 1746509; www.pesarocultura.it.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>