Rossella Accoto (M5S) vuole una regione sostenibile

di 

29 maggio 2015

Accoto

Accoto

Rossella Accoto*

Trasparenza e partecipazione sono le parole chiave che contraddistinguono il Movimento 5 stelle. Il Movimento 5 stelle è fatto da cittadini e per i cittadini si occupa di salvaguardare i beni comuni come: acqua pubblica, rifiuti, agricoltura biologica, lavoro, servizi per la salute e tanti altri.

Il programma del movimento 5 stelle è stato fatto in collaborazione con i 4 parlamentari regionali e i 72 consiglieri comunali e tutti gli attivisti del movimento 5 stelle della regione.

Le Marche sono state interessate negli ultimi decenni da radicali cambiamenti economici, causati dalla crisi politica, sociale ed economica nazionale.

La crisi economica che ha coinvolto le nostre aziende ha avuto una ricaduta sui lavoratori e sulle famiglie.

Una delle manovre economiche che attueremo riguarda proprio la revisione delle politiche attive del lavoro, infatti come movimento 5 stelle proponiamo di rivedere le aliquote IRAP, proponiamo un supporto amministrativo e burocratico per le start-up innovative anche attraverso l’accesso al microcredito per le piccole e medie imprese, attuato dai nostri parlamentari con il taglio dei loro stipendi, inoltre è prevista l’apertura di uno sportello di aiuto regionale per le pratiche di accesso ai fondi europei e regionali per le imprese in crisi.

Le politiche regionali che si sono attuate negli ultimi anni hanno visto tagli nei settori del servizio pubblico, stiamo, effettivamente, assistendo inermi ai tagli sulla sanità, il M5S è per una sanità pubblica, garantita ed efficiente, non siamo per un ospedale unico perché non si curano le persone con nuove infrastrutture ma migliorando i servizi già esistenti. Riteniamo importante abbattere le liste d’attesa potenziando il personale tecnico e facendo lavorare di più gli strumenti diagnostici, tutto questo ridurrebbe la mobilità passiva verso strutture private o verso altre regioni. La salute è un diritto di tutti pertanto chi abita nell’entroterra non deve essere penalizzato, occorre perciò garantire una gestione delle emergenze adeguata alla situazione territoriale della provincia, potenziando anche l’assistenza domiciliare. Nella sanità non devono esserci ingerenze politiche, le nomine dei dirigenti deve avvenire esclusivamente con concorsi seri, sulla base di merito e di esperienza e devono prevedere un limite di tempo della carica. La sanità la consideriamo strettamente collegata alle politiche sociali dove “nessuno deve rimanere indietro” pertanto è necessario creare un sistema di welfare che coniughi lavoro, salute e assistenza.

Le cronache di questi ultimi giorni ci fanno pensare alla necessità di occuparsi di salvaguardia e di tutela del territorio e dell’ambiente, inteso come bene comune da valorizzare, preservare e recuperare. Il dissesto idrogeologico che coinvolge la nostra Regione è piuttosto grave occorre intervenire in tempi brevi e rivedere tutte quelle scelte politiche che hanno sottoposto il nostro territorio ad una eccessiva pressione da parte dell’uomo, infatti, questo ha portato evidenti squilibri che ora danneggiano le attività ed il benessere umano. Occorre fare una politica seria verso i rifiuti zero e promuovere l’efficienza energetica senza alcuna speculazione. Tra i beni comuni fondamentali da tutelare anche economicamente è l’acqua, questo è un bene dell’umanità e conseguentemente non può essere considerata un prodotto o una merce, perciò la sua gestione deve essere totalmente pubblica.

Tra le manovre economiche territoriali il turismo è sicuramente una risorsa per la nostra Regione, pertanto, è necessario valorizzare il patrimonio culturale e artistico (turismo enogastronomico, sportivo, culturale, religioso), pensiamo ad un turismo sostenibile che si integri perfettamente con la nostra realtà territoriale e non alteri l’ambiente ma soprattutto che sia facilmente fruibile e accessibile a tutti.

Quando parliamo di partecipazione intendiamo che tutto quello che faremo in Regione sarà condiviso con i cittadini singoli o riuniti in associazioni, perché solo con la condivisione si riuscirà a risolvere tutte le problematiche.

*Candidata consigliere regionale per il Movimento 5 Stelle

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>