Al Mugello vince Lorenzo. Iannone e Vale Rossi sul podio: che gara

di 

31 maggio 2015

 

Valentino e Lorenzo. Foto tratta da twitter

Valentino e Lorenzo. Foto tratta da twitter

Jorge Lorenzo ha stracciato tutti, ha fatto un’altra gara al Mugello ma Iannone e Rossi hanno tenuto alto l’italico onore nella giornata della disfatta di Marquez, andato lungo disteso sulla ghiaia a sei giri dalla fine mentre Pedrosa, quarto, cercava di mettere una pezza all’orgoglio ferito della Honda.

LORENZO – Per lui al Mugello il terzo successo di fila, un successo limpido che lo porta al secondo posto in classifica iridata dopo un avvio di stagione difficile.

Jorge al via ha passato Dovizioso con un sorpasso coraggioso poi ha impresso il suo ritmo in opzione martello e la lotta per la vittoria, è finita lì: “Sì, ho fatto un bel sorpasso a Dovi – ha spiegato Jorge – poi sono riuscito a fare il mio passo grazie ad una moto fantastica. Vincere tre gare di fila e l’ultima in Italia è bello, adesso vorrei inseguire il poker…”.

IANNONE – I cattivi lo chiamano il “tamarro volante”, ma per Andrea Iannone un secondo posto al Mugello, dove 19 giorni fa ha “sfasciato” una spalla nei test, conta molto, vale i sacrifici di una vita: “Volevo il podio – ha detto – sapevo che vincere era difficile quindi per salire sul podio non ho mai mollato, ho spinto sempre e voglio ringraziare la Ducati che mi ha messo a disposizione una moto perfetta”.

VALE ROSSI – Grande gara del Dottore. Transitato undicesimo al primo giro, ha iniziato una delle sue mitiche rimonte che lo ha portato sul podio: “Sono molto contento – è il suo commento – perché ho conquistato il podio in una gara difficile. La moto non era molto a posto e sarebbe stato un peccato non salirci, sul podio, per questo stupendo pubblico. Non è stato facile ed è per questo che il terzo posto qui è un grande risultato”.

Quarto posto per un ritrovato Pedrosa che ha mollato solo nelle fasi finali; un ritiro per Andrea Dovizioso che ha avuto un problema tecnico alla sua Ducati, una caduta alla Marquez per il campione del mondo che al Mugello ne ha combinate di tutti i colori.

Marquez va forte, molto forte ma forse va… troppo forte e anche la caduta di oggi è da imputare alla sua grande foga. Probabilmente con la caduta in Toscana Marc si è complicato parecchio la vita per rincorsa al titolo. Bruttissimo capitombolo per Crutchlow che ha distrutto la moto ma per sua fortuna i grandi spazi di fuga del Mugello hanno consentito a Cal di cavarsela a buon mercato.

Un bravo a Pirro, il poliziotto da corsa della Ducati che arrivando ottavo ha preceduto sul traguardo il collega (anche lui poliziotto) Petrucci e quindi lunedì di pattuglia con la paletta in mano ci dovrà andare “Petrux” che ha perso la sfida tra i due.

In Moto 3 prima vittoria in carriera per il portoghese Oliveira, terzo un bravo Fenati che ha preceduto di 3 millesimo Pecco Bagnaia, quinto Bastianini, sesto Antonelli con la Honda del team Ongetta Rivacold e, finalmente, una gran bella gara per Alessandro Tonucci che partito dalle retrovie e transitato trentunesimo al primo giro, ha concluso 19esimo.

Quello che conta per “Tonu” è che finalmente il suo team ha risolto i problemi tecnici che lo hanno angustiato nelle prime corse di campionato, 24esimo posto per Matteo Ferrari in sella alla Mahindra del Team Italia, sfortunato il suo compagno di squadra Manzi caduto nella fasi iniziali di gara, a punti Locatelli, tredicesimo, e Migno 15esimo al traguardo.

In Moto 2, gara vinta da Rabat, buona prestazione per il marchigiano Baldassari, decimo al traguardo nonostante un dritto, 18esimo Pasini, wild card al Mugello, mentre sia Corsi sia Morbidelli ( incolpevoli) sono stati atterrati brutalmente dalla foga di due colleghi troppo focosi.

Prossima gara a Barcellona.

5 Commenti to “Al Mugello vince Lorenzo. Iannone e Vale Rossi sul podio: che gara”

  1. SmaneTONER scrive:

    Il Decano della MotoGp non finisce mai di stupirmi: grande, Grandissimo Lotrenzo entusiasmante Iannone.

  2. Arnaldo scrive:

    Il terzo posto di Vale è una gioia ma Lortenzo che in tre gare ha recuperato un mare di punti mi inpoensierice: attenti a Jorge

  3. Marika scrive:

    Che bello vedere il Mugello tutto luminoso e giallo!
    Che bello vedere una folla festante di circa 120.000 persone e anche se ovviamente predomina il colore giallo,
    si convive tutti insieme anche con fans di altri piloti, con colori che vanno dal rosso, all’arancio, al blu e tutti uniti
    dalla stessa passione e in questo i tifosi di calcio dovrebbero imparare molto dagli appassionati di motociclismo.

    Che bello vedere Vale che dal podio risponde al richiamo d’amore di migliaia di suoi fans in tripudio, con un “Vi voglio bene cazzo” 😉 e come si fa a non amarlo? 😉
    che bello vederlo rimontare all’improvviso, dopo che sembrava non dover più funzionare la magia della partenza dall’ 8a casella,
    ma non si sa dove Vale riesce sempre a trovare quella sua grande FORZA di reagire, che fa la differenza…
    forse oggi gli è arrivata ENERGIA PURA , anche un pochino da quel bellissimo casco a specchio, con pannelli solari multicolor sul retro , che hanno assorbito i raggi benevoli di tutto il calore del Mugello 😉
    o più facilmente dalla sua grande lucidità mentale nel saper sfruttare al momento giusto la sua grande abilità e la sua esperieza, senza farsi mai prendere dall’ansia di prestazione o più facilmente Vale attinge FORZA anche dall’adrenalina della gara e dalla sua immensa passione verso
    la sua moto e verso questo meraviglioso sport , senza contare che come ha dichiarato, voleva onorare i suoi tifosi del Mugello con un podio, che ha conquistato meritatamente, anche prendendo qualche rischio in più, alla faccia di un set up, più difficoltoso del solito.

    Che bello ascoltarlo nel dopo gara e quando gli hanno fanno notare che si è giocato un jolly, spazzolando la pista, con un traverso da urlo che gli ha fatto perdere il piede dalla pedana, ma fortunatamente è riuscito a tenersi in equilibrio sulla sua M1, Vale ha risposto con la
    sua solita simpatica e spontanea battuta:
    “L’ho fatto apposta, perchè mi sono accorto che lì c’era una telecamera… ” ahahahhaha
    semplicemente adorabile 😀

    E cmq sia bisogna ammettere che Lorenzo è tornato ai suoi grandi livelli, sono 3 domeniche che Non solo non sbaglia pù nulla, ma azzecca da subito il giusto set up della sua moto e sembra in uno stato di grazia dove ha ritrovato sicurezza e forza … anche se sinceramente qua al Mugello,
    mi sarei aspettata che le Ducati avrebbero potuto rendergli la vita più difficile, senza farlo scappare così facilmente da subito,
    anche se Iannone ha fatto l’impossibile con quella spalla dolorante ed è stato davvero bravissimo e il Dovi davvero sfortunato e quasi incredibile,ma pare gli sia rotta la catena.
    Ma queste sono le gare,,, gli imprevisti sono sempre dietro l’angolo e in questo senso ne sa qualcosa anche Marquez, che anche se erapartito a bomba, forse ha esagerato ancora o forse quest’anno Non è il suo anno… ma tutto questo rende il campionato più interessante ed incerto.
    Ma se Lorenzo ha vinto in casa degli italiani, la prossima gara si va in casa di Lorenzo e Non dico chi, ma “qualcuno” 😉 dei nostri , vorrà ricambiargli lo stesso onore? 😀
    Non aggiungo altro per scaramanzia, mi aspetto solo una gara spettacolare, perchè la pista di Catalunya rievooca ricordi indimenticabili
    già passati alla Storia recente, ma a dir poco mitici e leggendari… Alla prossima… :)

    • guido scrive:

      Si infatti i fischi a Lorenzo sul podio, come l ovazione alla caduta nel Warm up del Dovi o in gara di Marquez sono un bell esempio di sportivita’…….gli appassionati di Motociclismo SONO un altra cosa rispetto a cio’ che si e’ visto al Mugello……

  4. Jack71 scrive:

    ok bravo lorenzo …pero’ il 46 non puo’ “regalare” punti e forse anche vittorie partendo dall’ottava o nona casella.e’ inamissibile …… nell’ uno contro uno ancora e’ il migliore …

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>