Ceriscioli governatore col 41%. Biancani e Minardi tra i più votati di tutte le Marche. Fano ritrova un consigliere di maggioranza dopo 10 anni

di 

1 giugno 2015

Luca Ceriscioli (PD), 49 anni, ex sindaco di Pesaro, insegnante di matematica a Urbino, “semiprofessionista della politica” come si definisce, è stato eletto governatore delle Marche con il 41,1% dei voti (251.050 voti) come coalizione e 35,13% come PD. “Un bel carico di responsabilità, ora dobbiamo tradurre in risultati il programma che ci ha fatto ottenere questa vittoria” ha commentato Ceriscioli.
Il premio di maggioranza porta 18 consiglieri sui 30 previsti al centrosinistra: uno ai Popolari Marche Udc, 2 a Uniti per le Marche, 5 al Movimento 5 Stelle, uno a Marche 2020-Area Popolare, 2 a Forza Italia, 3 a Lega Nord Marche e uno a Fdi-An.

Nella nostra provincia i nuovi consiglieri dovrebbero essere questi: Andrea Biancani, Renato Claudio Minardi, Gino Traversini e Federico Talè (PD), M5S Piergiorgio Fabbri, Marche 2020-Ap  Mirco Carloni, Uniti per le Marche  Boris Rapa.

Boom per Biancani e Minardi, rispettivamente secondo e quarto candidato più votati in assoluto di tutta la regione. Biancani ha dettato legge a Pesaro (4831 voti 5320), Minardi invece ha sbaragliato ogni genere di concorrenza a Fano (2747 voti nel suo Comune) ma ha raccolto altri 2000 voti nei vari comuni dela provincia totalizzando 4846 preferenze. Biancani è il secondo più votato in assoluto, tra tutti gli schieramenti, delle Marche dopo Anna Casini (PD) di Ascoli. “Non riesco a ringraziare tutti e lo faccio così… grazie per l’affetto che mi state dimostrando con i vostri messaggi e telefonate… alla fine ottimo risultato (primo nella provincia di Pesaro Urbino e secondo nella marche)” ha commentato su Fb Biancani.

Biancani stappa....

Biancani stappa….

 

Minardi è quarto in assoluto e secondo più votato della provincia di Pesaro e Urbino: Fano dopo 10 anni ritrova un consigliere di maggioranza in Regione. “Un grande risultato ottenuto non solo a Fano ma in tutta la provincia: una grande soddisfazione” ha commentato a caldo Minardi.

Il Pd di Fano festeggia Minardi

Il Pd di Fano festeggia Minardi

E’ stata una lunghissima notte ma fin dalle prime ore si è capito come Ceriscioli avesse in pugno le votazioni: un candidato pesarese torna quindi nel ruolo di comando della Regione.  Staccato di 20 punti percentuali il candidato del Movimento 5 Stelle Gianni Maggi (che in tv ha detto che per formazione sarà più vicino al centrosinistra). Terzo Fdi-An con Francesco Acquaroli. Un disastro per l’ex presidente Gian Mario Spacca, ex Pd, candidato per la terza volta dopo aver lasciato il centrosinistra: i marchigiani lo hanno sonoramente bocciato, oggi si chiude un’era lunga 10 anni (25 se si considerano anche gli anni passati da Spacca in Regione come assessore e vicepresidente).  Altre Marche-Sinistra Unita Edoardo Mentrasti sono la quinta forza.

Il centrosinistra si conferma forza regionale, con il PD a fare da traino sostenuto da Verdi, Psi, Idv, civiche e Udc-Popolari Marche.  A seguire, con molto distacco, exploit del candidato del Movimento 5 Stelle Gianni Maggi con il 21,8% dei voti, con Francesco Acquaroli, il sindaco quarantenne di Potenza Picena, al 19%. “La linea della chiarezza paga, e non quella del sostegno ai voltagabbana” commenta su twitter il presidente di Fratelli d’Italia, Giorgia Meloni.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>