Luca Rodolfo Paolini, il consigliere mancato per lo 0,1%: “Ma quella della Lega è una grande vittoria”

di 

1 giugno 2015

Luca Rodolfo Paolini (Lega nord)

Luca Rodolfo Paolini (Lega nord)

FANO – “La Lega Nord ha raggiunto, in provincia di Pesaro,  il 12,05%, diventandone il 3° partito. Il tutto senza spot televisivi, radiofonici, invii postali, pagine a pagamento, conventions, ma solo con comizi, vele, santini ai mercatini  e tra la gente,  e tanto, tanto, tanto  lavoro dei ns. candidati e militanti.  La sola nota negativa – ahimè – è personale: pur essendo il  più votato in assoluto della Lega nelle Marche,  con 1863 “preferenze”  non  sono stato eletto per uno 0,1% di voti …che hanno fatto prendere il seggio ad Ancona”.

Così Luca Rodolfo Paolini, candidato consigliere per la Lega Nord che continua: ” Questo anche grazie ad una legge elettorale un tantino curiosa che penalizza chi ha più  voti e preferenze rispetto a chi ne ha meno. Per capirci: Fermo prende un seggio con 7.490 voti e Pesaro no con 14.878. Pazienza. Avendo sempre fatto politica dal 1993 per passione e non per lavoro, vado avanti come e più di prima. La politica ha le sue regole che bisogna saper accettare serenamente, senza drammi personali. Come in amore talora arriva il “no” che prepara magari per un futuro “si”. Ci sono illustri, recenti precedenti: Berlusconi perse le elezioni nel 2013 per uno 0,3% e Latini non è sindaco di  Osimo per 6 voti. Quel che conta, per noi della Lega, sono gli obiettivi politici complessivi e generali del Movimento, che nelle Marche sono stati tutti raggiunti e superati: abbiamo più che quadruplicato i voti,  portato in Regione 3 consiglieri, sfondato anche nel Fermano e nell’Ascolano, che erano le aree più “deboli” del nostro schieramento e rischiamo di andare la ballottaggio, con le liste da noi appoggiate, a Senigallia e Macerata. Saremo  la punta di lancia di una opposizione vera e libera da condizionamenti che agirà in modo costruttivo ma senza sconti per la maggioranza, nell’interesse dei marchigiani”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>