Consultinvest e Paolini, il matrimonio continua

di 

4 giugno 2015

vl_caserta_138 vuellePESARO – La Consultinvest e Riccardo Paolini si ritroveranno insieme anche per il 2015-16, giusto premio per la salvezza raggiunta dal coach pesarese nella stagione appena conclusa. Quando a gennaio aveva preso sulle spalle una Vuelle in completa confusione, con Dell’Agnello che aveva perso motivazioni e fiducia del gruppo, anche se le tre vittorie conquistate dall’allenatore livornese con una squadra oggettivamente inferiore tecnicamente al resto della compagnia sono state fondamentali per raggiungere quota 16 punti, così come il taglio di Kendall Williams e Juvonte Reddic, per far posto alla coppia formata da Chris Wright e Peter Lorant.

Coach Paolini ha cercato di inculcare ai suoi giocatori concetti semplici, con una fase offensiva nella quale Wright aveva il compito sia di innestare i compagni, sia di concludere in proprio, anche se verso la fine del campionato il play pesarese ha accusato qualche battuta a vuoto di troppo, maggiormente coinvolto negli schemi anche Wally Judge, centro con fondamentali tutti da costruire, ma con la giusta voglia di migliorare partita dopo partita e dall’arrivo di Paolini le cifre del rookie della Rutgers University sono migliorate, anche in difesa la Consultinvest 2.0 ha cambiato registro, rinunciando sia ai quei cambi sistematici sul pick and roll che creavano più danni che benefici, sia alla difesa a zona, proposta solo in sporadiche occasioni, per affidarsi quasi totalmente ad una individuale abbastanza solida, anche se la mancanza di un vero baluardo sotto canestro – Vuelle penultima nelle stoppate date – ha consentito agli avversari di arrivare al ferro con troppa facilità.

Il 56enne Paolini ha l’occasione di continuare il lavoro svolto in questa prima parte del 2015, ripartendo magari dal nucleo composto da Basile, Lorant e Judge al quale si dovranno aggiungere americani con una maggiore esperienza e italiani che non siano solo dei comprimari. L’allenatore pesarese sarà affiancato dallo stesso staff tecnico della stagione scorsa, con Umberto Badioli e Spiro Leka pronti a fare la loro parte, mentre Stefano Cioppi avrà il compito di pescare negli States un paio di jolly, per consentire alla Consultinvest 2015-16 di non dover tribolare come nelle tre stagioni precedenti.

La riconferma di coach Paolini alla guida della Vuelle è un segnale di continuità con la stagione precedente, anche se ribadiamo le stesse perplessità espresse al momento del suo ingaggio nello scorso gennaio: all’allenatore pesarese potrebbe mancare quell’esperienza necessaria per competere a medio livello e il suo rinnovo lancia il segnale che la Consultinvest 2015-16 non punti troppo in alto, perché, senza andare a scomodare i big, ci sarebbe stata la possibilità di firmare allenatori di medio livello come Lino Lardo, Attilio Caja e Zare Markovski. Dalla sua parte Paolini ha la possibilità di lavorare con i giocatori fin dal primo giorno di raduno e seguirli passo a passo nella loro crescita tecnica, ma non si vive di sola tecnica e il compito di un allenatore è anche di creare una chimica di squadra e di amalgamare dieci caratteri diversi e di traghettarli verso un obiettivo comune.

Il primo passo verso la costruzione della Consultinvest 2015-16 è compiuto, nei prossimi giorni verranno ufficializzati il contratto triennale di Nicolò Basile e il rinnovo annuale di Peter Lorant, in un mese di giugno che dovrebbe passare senza altre grosse novità, in attesa che la stagione agonistica giunga al termine, con Milano che stasera dovrà espugnare il parquet di Sassari per non finire sotto nella serie 3-1.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>