Cocaina a chili nelle notti riminesi: nella retata anche molti pesaresi

di 

9 giugno 2015

Arrivavano alla violenza pur di imporsi nel traffico notturno di cocaina. L’indagine, partita nel 2013 e chiusa nel 2014, è finita con una maxi retata che all’alba di oggi ha messo nei guai 29 persone. Tra questi molti riminesi ma anche marchigiani, diversi pesaresi e alcuni anconetani, milanesi e residenti a San Marino e Agrigento: 16 sono stati raggiunti, per gli altri è “caccia aperta”. L’operazione, condotta dalla squadra mobile di Rimini, ha visto impiegati 200 uomini.  Disposti i domiciliari a Rimini per A.M., nato a Borgo Maggiore, 27. Nei guai anche L.L., 38 anni, albanese domiciliato a San Marino. E proprio sul Titato abitava la gran parte del gruppo che con laparte riminese e quella sudamericana componeva il nucleo. L’epicentro dello spaccio, come ricostruito dagli inquirenti, era il locale Coconuts di Rimini dove sempre secondo le ricostruzioni fornite si arrivava a spacciare un chilo e mezzo di cocaina a notte. Per il locale c’è un decreto di chiusura per i prossimi 30 giorni. Nella retata sono stati recuperari 23 mila euro falsi e un chilo di cocaina.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>