Vismara, i presidenti Ferri e Parlani rispondono alla Vis e rilanciano: “Disponibili ad aiutarvi ma solo con un consorzio”

di 

9 giugno 2015

Dopo la retrocessione della Vis Pesaro nel Campionato Eccellenza Marche, il Vismara è stato più volte tirato in ballo dalla stampa, dai tifosi della Vis e dal Comune, nel merito di un’eventuale fusione fra le due società calcistiche cittadine. La dirigenza del Vismara calcio – scrive in una nota – ha sempre preferito non replicare nel massimo rispetto delle opinioni espresse da tutti gli interessati ma, dopo il pronunciamento della frase sibillina (“Difficile un matrimonio col Vismara, la nostra porta è aperta, però hanno suonato al campanello sbagliato”) da parte del co-presidente della Vis Pesaro Leandro Leonardi nell’assemblea organizzata presso l’Hotel Flaminio di Pesaro, i presidenti del Vismara Calcio Marco Ferri e Flavio Parlani hanno deciso di rompere gli indugi e replicare.

I Presidenti Marco Ferri e  Flavio Parlani

I Presidenti Marco Ferri e Flavio Parlani

“Intendo precisare che il Vismara non ha mai suonato al campanello di nessuno – afferma Marco Ferri in una nota –  l’unico confronto che abbiamo avuto con la Vis Pesaro ed in particolare con Leandro Leonardi, è avvenuto circa due anni orsono, per un accordo di collaborazione fra i due settori giovanili: Nel primo anno di collaborazione, il Vismara aveva ricevuto dalla Vis Pesaro gli under: Rossini in prestito e Liera a titolo definitivo, mentre come controparte alla Vis era stato ceduto l’under Rossoni a titolo definitivo ed altri cinque ragazzi del nostro Settore Giovanile. Nel secondo anno l’accordo non è stato rispettato da parte della Vis Pesaro del co- presidente Leonardi. Nell’organizzare un camp estivo calcio per i bambini, a cui hanno partecipato molti ragazzi della nostra società, al termine dello stesso, senza minimamente interpellarci, come era previsto nell’accordo di collaborazione, alcuni dirigenti della Vis hanno contattato direttamente i genitori di alcuni dei nostri ragazzi fra i più dotati di buona tecnica calcistica, per convincerli a transitare nel loro settore giovanile. Non soddisfatti di ciò, al momento in cui abbiamo chiesto il prestito di alcuni under del loro settore giovanile per la nostra squadra militante in Eccellenza, abbiamo ricevuto un netto rifiuto”. Chiariti gli attuali rapporti, Ferri continua: “All’altro campanello a cui si riferisce probabilmente Leonardi, non l’abbiamo mai suonato, ma c’è stato solamente un cordiale colloquio con il sig. Franco Arceci, tra l’altro dallo stesso richiesto, dove si è parlato di un eventuale aiuto da parte del Vismara alla Vis Pesaro, e di un probabile ripescaggio di quest’ultima, ma senza mai citare un’eventuale fusione fra le due società. La mia risposta è stata positiva circa un eventuale aiuto, ma per ciò che concerne la possibilità di un ripescaggio della Vis o sistemazione dello stadio non ha alcun senso, pianificare le due cose, se prima non si forma un consorzio come attualmente vi è alla Victoria Libertas Pesaro, risoluzione ritenuta da me idonea, per far sì che non ci sia solo un uomo al comando e che soprattutto ognuno rispetti il proprio ruolo, come è logico che sia, nell’ambito di un’organizzazione calcistica”.

“Il Vismara sarebbe comunque propenso di aiutare la Vis Pesaro, perché è un matrimonio della città – afferma Flavio Parlani – ed è mio auspicio che si possa trovare una soluzione per far si che tutto il movimento calcistico pesarese cresca così come merita la città e tutti i tifosi”

(si ringrazia Antonio Cardinali)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>