L’ultimo saluto ad Edoardo, un angioletto volato in Cielo a 20 mesi. Papà Nicola: “Sta bene, la morte non è la cosa peggiore”

di 

11 giugno 2015

PESARO – Tantissima gente stamattina in Duomo per l’ultimo saluto a un angioletto di nome Edoardo. Una folla di persone con le lacrime agli occhi e il cuore straziato dal dolore ha voluto stringersi ai genitori Giada e Nicola, ai nonni, alla bisnonna e ai parenti tutti per provare a consolare l’inconsolabile, cioè la perdita di un bambino di 20 mesi senza una spiegazione plausibile.

Proprio papà Nicola, al termine della funzione officiata da don Marco Di Giorgio, si è fatto forza e si è presentato sul pulpito assieme alla moglie Giada per pronunciare parole di una bellezza spiazzante: “Edo sta bene, siamo noi che abbiamo bisogno di aiuto”. E poi ancora, pensando ai tanti piccoli pazienti del Salesi di Ancona: “In ospedale c’erano bambini che stavano anche peggio, la morte non è la cosa peggiore. E abbiamo conosciuto i loro genitori, persone fantastiche che ci hanno dato tanta forza. Edoardo ha retto 5 giorni in una maniera pazzesca che nemmeno i medici si spiegano come abbia fatto. Forse ha voluto darci il tempo di prepararci”.

Il piccolo Edoardo riposerà per sempre al cimitero di Pesaro. Vivrà per sempre il suo ricordo ma non solo quello, visto che i genitori – in un estremo atto d’amore – hanno deciso per la donazione degli organi.

Nel nostro piccolo, noi di pu24.it, vogliamo abbracciare forte forte mamma Giada e papà Nicola, oltre a tutti gli altri parenti e amici che hanno avuto la fortuna di conoscere un angioletto di nome Edoardo volato in cielo troppo presto.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>