Col cane in spiaggia libera alla Baia, parapiglia sedato da polizia e carabinieri. Ecco cosa dicono i regolamenti da Gabicce a Fano

di 

14 giugno 2015

PESARO – Stava passeggiando con il cane al guinzaglio sulla battigia della spiaggia libera di Baia Flaminia. Poi, due bimbe, che stavano giocando lì vicino, si sono spaventate e il cane ha iniziato ad abbaiare. Il loro padre, un magrebino, ha chiesto al proprietario del cane di allontanarsi. Gli animi si sono surriscaldati e un bagnate è andato in aiuto del pesarese, 42 anni, che aveva ancora il cane al guinzaglio. E’ volata qualche spinta, è partito qualche insulto, pare sia volata una piccola sdraia di plastica e che, tra i due, uno abbia estratto un coltellino. La situazione è tornata alla normalità quando sul posto sono intervenuti gli uomini della polizia municipale e i carabinieri.

Ricordiamo che a Pesaro attualmente non sono ammessi cani in spiaggia. La modifica del regolamento sull’utilizzo del litorale marittimo comunale per consentire l’accesso dei cani in zone ben definite della spiaggia libera è in fase di attuazione. A Gabicce Mare, durante la stagione balneare ( 1 aprile- 30 settembre) è vietato condurre cani o altri animali, anche se provvisti di museruola e guinzaglio, fatta eccezione per gli stabilimenti balneari in cui, se autorizzata, è prevista un’apposita area da destinare a cani o altri animali (non sono state presentate ad oggi delle domande di autorizzazione); ivi compresi quelli utilizzati da fotografi o cineoperatori, fatta eccezione per i cani-guida per i non vedenti ed i cani in possesso di brevetto per il soccorso in acqua riconosciuti dall’E.N.C.I. (Ente Nazionale Cinofilia Italiana). Sia i cani guida che quelli da soccorso, durante la permanenza in spiaggia, devono essere tenuti al guinzaglio e indossare l’apposita imbracatura. Il Telodirò Beach 14/16 è il primo stabilimento balneare a Gabicce Mare ad essere autorizzato all’accoglienza di animali domestici in spiaggia. A Fano, invece, una spiaggia accessibile ai cani è quella denominata “Animal Lido” (tel. 0721/803534), con accesso gratuito.
Si trova lungo la SS Adriatica, nella località Arzilla, a nord del porto di Fano. Anche qui, però, è necessario portare il libretto sanitario, gli strumenti per raccogliere gli escrementi dei cani e sono ammessi solo cani vaccinati con certificato di iscrizione all’anagrafe canina (tale iscrizione è obbligatoria se il turista sosta per più di tre mesi nel territorio italiano), è vietato lasciare liberi i cani, è vietato – si legge nel regolamento – condurre cagne in calore per evitare risse fra i cani maschi. In caso di mancato rispetto di queste norme sono previsti l’allontanamento dall’ arenile delle sanzioni. Ai cani è permesso il bagno in mare grazie a delle boe che delimitano l’area marina circostante. Altro posto nell’area fanese si trova  a Pontesasso all’Islamorada – Dog Beach, provvista di sacchetti e palette per la raccolta delle deiezioni solide, di docce e fontanelle-abbeveratoio riservate ai cani. I cani devono avere guinzaglio non superiore a 1,50 metri.

Un commento to “Col cane in spiaggia libera alla Baia, parapiglia sedato da polizia e carabinieri. Ecco cosa dicono i regolamenti da Gabicce a Fano”

  1. stefano scrive:

    vorrei sapere,se il marocchino e le figlie erano in regola con le vacinazioni

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>