Giornata Mondiale del Rifugiato, ecco cosa succederà a Pesaro

di 

19 giugno 2015

CON AMOREPESARO – Venerdì 19 giugno alle ore 21 e sabato 20 giugno dalle ore 15 in poi si svolgeranno le celebrazioni per la Giornata Mondiale del Rifugiato, celebrata in tutto il mondo e organizzata nella nostra città dal progetto territoriale di Pesaro Urbino del servizio SPRAR – Sistema di Protezione per Richiedenti Asilo e Rifugiati, in collaborazione con Arci Pesaro.

IO SO(G)NO IN ITALIA

Venerdì 19 giugno, Centro Arti Visive Pescheria, Corso XI Settembre 184, Pesaro: “Dal mondo, con amore”
Ore 21.00: saluto delle Autorità
Ore 21.30 Presentazione del laboratorio audiovisivo condotto dal regista Massimiliano De Simone e proiezione del cortometraggio “Con amore”, realizzato dai beneficiari dei progetti Invictus e Pesaro Accoglie – Sprar di Pesaro. Sarà inoltre allestita una mostra fotografica, risultato di un laboratorio condotto con Francesca Battistoni.
20 giugno, Piazzetta delle Erbe, Pesaro: “Non buttate via niente, anzi SUONATELO!”
ore 15 – Laboratori di costruzione di strumenti musicali con materiali di recupero a cura del gruppo Riciclato Circo Musicale
ore 21,30 – Concerto del gruppo Riciclato Circo Musicale. La band Italiana, formata da quattro musicisti, utilizza materiali di recupero ed oggetti di uso per costruire e suonare strumenti di ogni tipo, dai più classici e contemporanei.
La Giornata Mondiale del Rifugiato è stata istituita nel 2000 come occasione per ricordare la condizione di milioni di persone in tutti i continenti costrette a fuggire dai loro Paesi e dalle loro case a causa di persecuzioni, torture, conflitti, violazioni dei diritti umani.
Lo SPRAR, composto dalla rete degli enti locali e dalle realtà del terzo settore, realizza interventi di accoglienza integrata per coloro che giungono in Italia per ottenere protezione internazionale, con l’obiettivo di facilitare i percorsi di inserimento sociale, economico e culturale, in vista della riconquista dell’autonomia da parte dei singoli beneficiari dei progetti. L’accoglienza di richiedenti asilo e rifugiati nelle nostre città rappresenta inoltre un’opportunità per ribadire la centralità dei diritti umani e un’occasione di condivisione e arricchimento per la comunità cittadina.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>