In Russia Gianni Morbidelli pronto a stringere i denti per difendere il primato nella TCR Series 2015

di 

20 giugno 2015

Gianni Morbidelli

Gianni Morbidelli

Partirà in pole position la seconda delle due gare in programma domani a Sochi la Honda del team WestCoast Racing pilotata da Gianni Morbidelli. Nella TCR International Series, che per la seconda partenza schiera le vetture con la griglia invertita, questo significa che il pesarese ha ottenuto l’ottavo tempo in qualifica, che in Russia si è disputata in un’unica sessione invece che divisa in due manche. 20 chili di zavorra sulla Honda dell’italiano e 30 chili sull’altra Civic dell’americano Kevin Gleason per i tanti punti conquistati nella precedente trasferta in Austria non hanno aiutato i piloti della scuderia svedese, che hanno anche sofferto molto sottosterzo tra venerdì e sabato. Domani Morbidelli in entrambe le corse partirà a fianco del suo rivale più diretto per la classifica generale: lo svizzero Stefano Comini, il che renderà sicuramente interessante una domenica in cui il veterano spagnolo della SEAT Jordi Gené partirà davanti a tutti la prima corsa.

L’OPINIONE DI GIANNI SU SOCHI:

“La pista non mi piace molto perché la trovo poco selettiva, ed il sottosterzo cronico che patiamo qui in Russia non mi aiuta certo a farmela piacere. Purtroppo come già ci era capitato altrove man mano il caldo aumenta e più il sottosterzo peggiora, proprio come oggi. Stiamo cercando di capire come mai in qualifica non sia stato possibile per lo meno ribadire la prestazione delle libere, Domani la vedo abbastanza dura. Anche in gara due, malgrado possa partire in prima fila sulla griglia invertita, prevedo una gara difficile; ci sarà da stringere i denti qui per difendere il primo posto in campionato”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>