“Il sole assicurato… prendere o lasciare?”

di 

23 giugno 2015

Federico Alessandrini*

PESARO – Ho partecipato con curiosità alla conferenza stampa del sindaco: devo ammettere che il discorso di Ricci in merito alla comunicazione su Pesaro, al marketing territoriale, all’accendere continuamente curiosità e interesse nei turisti mi trova perfettamente d’accordo! Credo infatti che realizzare diversi programmi e attrazioni e investire nella pubblicità del nostro territorio dal punto di vista culturale, sportivo, balneare e naturalistico debbano essere punti fermi e fattori essenziali per incentivare i turisti a conoscere la terra di Rossini (come anche il turismo dei bikers nei mesi più “calmi” che abbiamo sempre sostenuto).

Pesaro mare

Un’immagine del mare di Pesaro

Ma sul “sole assicurato” presentato ieri, avrei qualcosa da dire:

Primo, ritengo rischioso il fatto che possa usufruire del voucher solo il cliente che abbia pagato il prezzo pieno della vacanza, senza sconti o riduzioni di ogni tipo: in questo modo non si rischia di interferire nel rapporto cliente-albergatore?

Secondo, chi viene a Pesaro non dovrebbe sperare che, dopo due giorni di pioggia, piova anche il terzo per poter godere della “polizza” e quindi essere stimolato ad andarsene, ma avere piuttosto talmente tante attrazioni alternative alla spiaggia da essere invogliato a rimanere. Ritengo quindi fondamentale assicurare prima di tutto una buona vacanza a prescindere dalle condizioni meteo.

La “vacanza assicurata” non è un’esclusiva di Pesaro: Jesolo dopo un giorno di pioggia rimborsa la spiaggia, per andare una settimana a Rimini e Riccione i treni sono gratis, Lignano a settembre rimborsa ogni giorno di pioggia del 50%.

Quindi, perché non offriamo alternative, azzardando di fare davvero la differenza?

Dimostriamo che abbiamo “il sole in ogni dove”.

Con tutto quello che il territorio di Pesaro offre non è difficile studiare con gli stessi operatori del settore e trovare soluzioni davvero innovative: si potrebbe per esempio se piove offrire visite diurne a musei e teatri a prezzi dimezzati, mettere a disposizione più navette per visitare l’entroterra, organizzare eventi diversi durante la giornata!

Si è sempre pensato fino ad oggi al modo di vivacizzare le serate ai nostri giovani e a creare numerosi eventi nelle serate estive. Perché non facciamo lo stesso con i turisti quando rimangono senza mare durante il giorno?

*Movimento 5 Stelle Pesaro

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>