In via Rossini Ufficio a cielo aperto: grazie a Microsoft, lo Smart Working in Comune è una realtà

di 

23 giugno 2015

L'ufficio a cielo aperto di Microsoft (ph. Luca Toni)

L’ufficio a cielo aperto di Microsoft (ph. Luca Toni)

PESARO – Microsoft e il Comune di Pesaro trasformano via Rossini in un ufficio a cielo aperto e mostrano i vantaggi della tecnologia per uno stile di lavoro moderno e flessibile. Un gruppo di dipendenti del Comune sono oggi operativi anche se fuori sede e lavoreranno all’aperto in una delle vie del Centro davanti alla cittadinanza e alle altre amministrazioni locali del territorio, a testimonianza della flessibilità abilitata dalle nuove tecnologie grazie a cui è possibile lavorare da ogni dove in una logica di efficienza e miglior servizio al cittadino. Il Comune ha infatti adottato la piattaforma di cloud computing per la produttività Office 365 e pc portatili, che consentono ai dipendenti pubblici di collaborare, condividere informazioni e contribuire a progetti ovunque e in qualunque momento, accedendo facilmente su dispositivi mobili alla posta elettronica, agli applicativi Office e a soluzioni di comunicazioni integrata, con la massima garanzia di sicurezza.

Il Comune di Pesaro ha infatti avviato un processo di cambiamento volto a mettere il cittadino al centro di un ecosistema in cui la Pubblica Amministrazione Locale fungerà da hub di servizi. In linea con i punti cardinali della Riforma della PA attualmente in gestazione, le piattaforme digitali possono abilitare un reale scenario di semplificazione e orientamento al cittadino ed è per questo che il Comune di Pesaro ha scelto di puntare sull’innovazione adottando in particolare Microsoft Office 365 grazie al supporto del Partner SoftJam nell’ambito di Microsoft CityNext, l’iniziativa volta a promuovere la diffusione delle Smart City sul territorio italiano, facendo leva sulle nuove tecnologie – cloud, mobile, social enterprise e big data – per rispondere in modo efficace alle esigenze dei cittadini.

Dopo essere passati, nel 2011, dalla versione pacchettizzata di Microsoft Office alla soluzione OpenOffice, l’amministrazione ha infatti valutato l’impatto della migrazione e i suoi reali costi e ha scelto di adottare la piattaforma cloud Office 365 fruibile come servizio on demand, che garantisce maggiore efficienza oltre a uno stile di lavoro al passo con i tempi. Il passaggio all’open source, motivato da ragioni di natura finanziaria e dall’assenza di un costo manifesto di licenza, ha di fatto dato origine a costi imprevisti di supporto IT, d’implementazione e di formazione, per una spesa complessiva una tantum di oltre 300.000 euro. Inoltre sono aumentati i costi a regime anche a causa della perdita di produttività legata a problemi tecnici e alla lentezza dell’implementazione: con OpenOffice la spesa annuale per singolo utente è stata stimata pari a oltre 500 euro, ben superiore rispetto alla precedente spesa annuale per utente di Office pari a circa 118 Euro[1].

Pertanto, nel 2014, la scelta del Comune è stata quella di tornare a Microsoft, andando però oltre una semplice suite di produttività individuale per beneficiare di un servizio cloud e integrare funzionalità aggiuntive di comunicazione integrata e collaborazione capaci di inaugurare un nuovo modo di lavorare in una logica di Smart Working e di generare anche efficienze in termini di riduzione delle spese telefoniche e dei costi/tempi di trasferta per le riunioni tra enti pubblici (circa 200 all’anno). Secondo una stima per eccesso, la migrazione a Office 365 è infatti di circa il 30% più economica rispetto alla migrazione a OpenOffice, anche perché più rapida e gestibile dalle risorse IT interne. La spesa annuale per singolo utente con Office 365 è inoltre pari a circa 197 Euro, ovvero meno della metà della spesa legata a OpenOffice, secondo una stima cautelativa che non calcola il significativo aumento di produttività. Ma se si considerano i risparmi abilitati dalle funzionalità di Unified Communications & Collaboration sulle spese telefoniche e di trasferta, pari a circa 85 Euro per utente, la spesa annuale netta per utente scende ulteriormente a circa 110 Euro, quasi 1/5 di quella con open source.

ph.LucaToniGrazie all’adozione di Office 365 per circa 500 utenti, il Comune di Pesaro spenderà quindi circa l’80% meno, godendo però al contempo di funzionalità che vanno oltre la produttività individuale e dei vantaggi del Cloud Computing. Sarà infatti possibile usufruire dell’aggiornamento costante senza costi aggiuntivi, adottare servizi in linea con il profilo dell’utente e pagare per utente in base all’utilizzo, usare le soluzioni su 5 dispositivi anche in mobilità e poter contare su un backup sicuro e sulla disponibilità anche in assenza di connessione, avere garanzia di compliance rispetto a sicurezza e privacy in linea con gli standard europei e utilizzare modalità di comunicazione evolute come chat, conferenze virtuali, condivisione di documenti e social network interni.

L’intera migrazione della posta è stata portata a termine in un solo mese a metà maggio e i primi esiti del progetto d’innovazione sono positivi, poiché i circa 700 dipendenti del Comune apprezzano la possibilità d’interagire più facilmente tra le 33 sedi dell’amministrazione e reputano importante la possibilità di essere sempre connessi per poter offrire un servizio più continuativo ed efficace ai circa 100.000 cittadini che nei prossimi anni vedranno la propria municipalità evolvere sempre più in linea con i principi guida dell’Agenda Digitale. Alcuni scenari di utilizzo sono già attivi: con la piattaforma di produttività Cloud Microsoft Office 365 è infatti possibile collaborare in tempo reale per la redazione di documenti, dematerializzarli e archiviarli in modo digitale, realizzare riunioni virtuali e in definitiva ottimizzare i processi per soddisfare al meglio la cittadinanza.

“La nostra amministrazione sta evolvendo al passo con i tempi con l’obiettivo di diventare un hub di servizi sempre più evoluti per i cittadini. I dipendenti pubblici giocano un ruolo chiave in questa missione e la tecnologia può chiaramente rappresentare un valido alleato per aiutarli ad essere più produttivi e ad offrire un servizio efficace alla cittadinanza. Microsoft Office 365 ci permette di rinnovare i nostri processi e di inaugurare uno stile di lavoro più moderno e flessibile, che colga tutte le opportunità offerte dai nuovi trend tecnologici come il Cloud Computing e la Mobility per fare di Pesaro una Smart City capace di dar vita a un modello di partecipazione attiva con dipendenti più motivati e cittadini più soddisfatti. Non solo ma grazie alla piattaforma di produttività adottata e agli strumenti di comunicazione integrata e collaborazione e possibile recuperare efficienza e ridurre la spesa IT per dedicare più risorse ai servizi sul territorio”, ha dichiarato Matteo Ricci, sindaco di Pesaro.

“La Pubblica Amministrazione sta vivendo un processo di cambiamento verso una PA sempre più orientata al cittadino e l’innovazione rappresenta un driver primario di efficientamento. L’esperienza del Comune di Pesaro dimostra come sia importate fare una stima puntuale dei costi IT per selezionare le soluzioni più in linea con le esigenze dei singoli enti, senza cadere nella tentazione di un taglio indiscriminato degli investimenti tecnologici. Il costo di licenza è solo uno degli aspetti da considerare, ma ci sono tutta una serie di elementi da non trascurare come i costi d’implementazione, i risparmi possibili e i guadagni di produttività. Migrare a Office 365 ha consentito al Comune di risparmiare circa l’80% rispetto all’open source, ma soprattutto ha offerto la possibilità di intraprendere un percorso di evoluzione in una logica di Smart Working, che rende i dipendenti più produttivi e motivati anche per la capacità di gestire al meglio il proprio work-life balance. Una ricerca Microsoft-Harris Interactive dimostra come la maggior parte dei lavoratori italiani (52%) sarebbe infatti disponibile a lavorare di più pur di beneficiare di maggiore flessibilità e che chi fa uso di tecnologia che consente di lavorare fuori dal tradizionale contesto lavorativo si considera più produttivo (92%), ma anche più collaborativo (85%). Dipendenti pubblici più motivati possono quindi costituire la chiave di volta per un servizio pubblico più efficiente e più efficace” – ha dichiarato Claudia Bonatti, Direttore della Divisione Office di Microsoft Italia.

“Il progetto che abbiamo portato avanti con il Comune di Pesaro è la dimostrazione di come una Pubblica Amministrazione possa trovare la forza di fare delle scelte innovative, di ammodernarsi per fornire al suo interno ma anche alla cittadinanza, servizi di alto livello. In questo scenario il ricorso alle tecnologie cloud di Microsoft è stato indubbiamente un grande facilitatore ed al tempo stesso costituisce anche una scelta futuribile che consentirà all’Amministrazione di ottimizzare i costi e di rimanere costantemente al passo con le evoluzioni tecnologiche.” – spiega Andrea Pescino, Amministratore Delegato di Softjam.

[1] Osservatorio Netics, Giugno 2015 – White Paper “Cooperare e Collaborare nella PA: il Cloud abilitatore del cambiamento e del risparmio. L’esperienza del Comune di Pesaro”.

Microsoft

Fondata nel 1975, Microsoft è leader mondiale nel software, nei servizi e nelle tecnologie Internet per la gestione delle informazioni di persone e aziende. Offre una gamma completa di prodotti e servizi per consentire a tutti di migliorare, grazie al software, i risultati delle proprie attività – in ogni momento, in ogni luogo e con qualsiasi dispositivo. Ogni informazione relativa a Microsoft è disponibile al sito http://www.microsoft.com/italy/.

Softjam

Softjam è una società di consulenza nell’ ambito dell’ Information & Communication Technology (ICT) il cui obiettivo è quello di aiutare le aziende a sfruttare le tecnologie più innovative per ottimizzare i processi di business e fornire servizi e supporto alla gestione delle proprie infrastrutture, garantendo loro di controllare e ridurre costi e rischi.

Nel 2012 Softjam è “Italian Partner of The Year – Public Cloud”: viene premiata la competenza sulle soluzioni Public Cloud, in grado davvero di apportare reali vantaggi di business alle aziende clienti.

Nel 2013 è “Azure Italian Partner of The Year”: il primo partner in Italia a promuovere e implementare questa tecnologia innovativa, che offre infinite risorse: infrastrutture, server virtuali, storage, backup, database (SQL e Oracle), siti web, applicazioni mobile e active directory tutto nel Cloud di Microsoft.

Nel 2014 Softjam vince il premio “Italian Partner of the Year”.

IL COMUNICATO DEL COMUNE DI PESARO

Ricci e il Comune digitale: «Cogliere la rivoluzione tecnologica, l’accordo con Microsoft è un passo avanti»

PESARO – La volontà è «intercettare la rivoluzione digitale», verso un Comune «più trasparente, efficiente e veloce». Matteo Ricci l’ha riassunta nel programma di mandato, dentro l’hashtag «#Pesarotecnologica». E oggi – dice nella giornata dell’ «ufficio a cielo aperto», mentre Urp e Sistemi informativi scendono in piazza e si aprono ai cittadini – «grazie all’accordo con Microsoft, registriamo un bel passo avanti». Il Comune punta sulla condivisione di notizie, documenti e informazioni tra dipendenti, vira sulle piattaforme Cloud e adotta Office 365. «C’è l’idea di un’amministrazione trasparente, che vuole migliorare anche nella produttività. I dipendenti potranno lavorare da ogni sede. E’ un investimento che farà risparmiare al Comune tante risorse». Ma il sindaco vorrebbe anche di più: «L’obiettivo è il Comune aperto 24 ore su 24. Inteso come un’amministrazione che utilizza la rivoluzione tecnologica per portare gran parte dei servizi sul web e sugli smartphone. La sfida vera è fare in modo che un cittadino possa evitare fila, perdite di tempo e burocrazia. Bisogna semplificare la vita delle persone e aumentare la velocità di risposta al pubblico». Un percorso che passa anche dallo sviluppo dei social network: «E’ un filone che deve porre riflessioni al pubblico». Esempio: «Manca una piattaforma che metta insieme tutte le opportunità di mobilità urbana, car sharing, trasporto pubblico, treno, taxi, trasporto privato. Fino alla bicicletta e ai percorsi pedonali. E’ solo un settore, pensiamo quanti servizi possono essere gestiti con i social. Si può e si deve fare». Stefano Bruscoli, responsabile dei Sistemi informativi, conferma: «Con Office 365 portiamo un ufficio in piazza. E’ un sistema che aumenta la produttività. E rende maggiormente fruibili i servizi comunali, anche al di fuori dell’orario di lavoro». Sull’«ufficio a cielo aperto»: «E’ una demo: abbiamo scelto alcuni servizi online, come certificazione anagrafica e lettura digitale dei dati cartografici del Piano regolatore». Paolo Valcher, direttore Microsoft per la pubblica amministrazione, chiude così: «L’accordo con Pesaro testimonia come le pubbliche amministrazioni possano sfruttare le nuove tecnologie Cloud. Le conseguenze? Risparmi, maggiore produttività e servizi più accessibili. Il sindaco ha colto le possibilità: la sintonia è stata immediata. Pesaro è il primo Comune dove caliamo questa esperienza tra i cittadini».

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>