Ambito sociale di Fano, l’allarme della Cisl: “Servizi a rischio, i sindaci facciano qualcosa”

di 

2 luglio 2015

Cisl

Cisl

Giovanni Giovanelli*

FANO – La delicata situazione sociale e il particolar momento di crisi ha ripercussioni pesanti sulle fasce più deboli della popolazione dell’ambito Territoriale Sociale n. 6: anziani, portatori di handicap, disoccupati e soggetti svantaggiati bisognosi di inclusione sociale. Per far fronte a questa difficile situazione è necessaria una programmazione delle politiche sociali e di welfare.

Non vorremo invece che la situazione di  grave difficoltà dell’Ambito territoriale sociale di Fano – composto dai Comuni di Fano, Mondolfo, Mondavio, Monteporzio, San Costanzo, San Lorenzo in Campo, Unione Roveresca, Fratterosa, Pergola con un numero complessivo di 103.750 abitanti – abbia pesanti ripercussioni sulla gestione ordinaria dei servizi erogati dall’ambito e SUL PERSONALE DELLE COOPERATIVE  che gestiscono i vari servizi.

Ci preoccupa, moltissimo, che a fronte di verifiche amministrative e contabili necessarie e dovute, si blocchino tutte le attività ordinarie e le prestazioni sociali erogate dall’ambito sociale territoriale.

Invitiamo pertanto il Comitato dei sindaci, che è l’organo di controllo e di indirizzo dell’Ambito sociale, a prendere nel più breve tempo possibile le decisioni opportune per garantire i servizi ordinari   erogate dall’ambito in modo da non pregiudicare il welfare e la tenuta sociale del territorio.

La Cisl di Fano auspica che questa situazione sia l’occasione per riaprire un ampio confronto sulle politiche sociali del territorio e sulla gestione associata dei servizi  che non possono continuare ad essere erogati frammentariamente e in modo disomogeneo.

*Responsabile Cisl Fano

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>