Bilancio 2015, il Pd Fano applaude al pareggio nonostante minori entrate

di 

4 luglio 2015

Dal gruppo consigliare del Pd Fano riceviamo – e pubblichiamo – la seguente nota sul Bilancio preventivo 2015:

   FANO – Si è conclusa la discussione sul bilancio di previsione 2015 del Comune di Fano che ha visto il Partito Democratico esprimere un voto favorevole unanime.

Un lavoro lungo e articolato coordinato dall’assessore Carla Cecchetelli che ha coinvolto tutti gli assessorati nella stesura del piano economico annuale. Nonostante la pesante diminuzione delle entrate, a causa di minori trasferimenti di Stato e Regione e del distacco della frazione di Marotta, si è riusciti ad ottenere il pareggio di bilancio garantendo tutti i servizi e senza l’aumento delle tasse. Tutto ciò grazie a un forte contenimento della spesa corrente e alla riorganizzazione di alcuni servizi.

Tra gli aspetti più importanti di questo bilancio va sicuramente segnalato uno stanziamento di 80.000 euro per il fondo anticrisi destinato a finanziare i tirocini di reinserimento nelle imprese private e per interventi a sostegno delle famiglie per il pagamento delle utenze. A questo importo vanno aggiunti altri 200.000 euro messi a disposizione da Aset Spa sempre per la riduzione dei costi delle bollette per le famiglie meno abbienti.

A sostegno di tutto ciò, va segnalato inoltre che è stato rinnovato anche per il 2015 l’accordo con i sindacati CGIL, CISL e UIL che prevede sgravi fiscali per tutti i contribuenti che hanno un reddito ISEE pari o inferiore a 12.000 euro, una diminuzione della tassa sui rifiuti che va dallo 0,60% per le utenze domestiche fino all’ 1% per le imprese e il mantenimento delle aliquote dell’anno precedente per le altre imposte.

Inoltre è iniziato un importante lavoro di riqualificazione del patrimonio comunale che ha l’obiettivo di rendere più efficiente il lavoro degli uffici e al tempo stesso di risparmiare risorse che andranno reinvestite nella corresponsione di servizi al cittadino. Lavoro, questo, per troppi anni trascurato dalla precedente amministrazione, che ha aumentato notevolmente la burocrazia con evidenti disagi ai cittadini e alle imprese che operano nella nostra città.

Sul fronte dell’urbanistica saranno presentati a breve dei progetti per la riqualificazione della area ex zuccherificio, sulla quale questa amministrazione ha manifestato chiaramente la volontà di cambiare rotta rispetto al passato, bocciando la variante che prevedeva la costruzione di un grande centro commerciale. Si va verso un progetto più sostenibile che deve rappresentare un modello da replicare anche per il futuro sviluppo della città, che in questi anni ha visto purtroppo una cementificazione sfrenata a discapito del territorio e dell’ambiente.

Infine, a differenza di quanto avvenuto negli anni passati, si darà molto spazio alla partecipazione popolare. E’ da poco stato approvato un regolamento di collaborazione tra comune, cittadini, associazioni e imprese per la cura, la rigenerazione e la fruizione partecipata dei beni comuni urbani. Tutti i cittadini, a titolo individuale o organizzati in associazioni, potranno prendersi cura di mantenere beni pubblici come giardini, strade, scuole, biblioteche e spazi urbani in genere, ottenendo sgravi fiscali sulle imposte locali.

L’approvazione del bilancio preventivo è il primo passo verso un nuovo sviluppo della città di Fano, che vuole riprendersi un ruolo da protagonista in tutto il territorio regionale, mettendo in mostra le eccellenze legate al territorio e all’ambiente e garantendo servizi ai cittadini e sostegno alle fasce deboli. Il Partito Democratico incarna pienamente questo progetto, garantendo la spinta necessaria per far ripartire la nostra città che per troppi anni è rimasta isolata e chiusa dentro i propri confini.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>