Filosofia e spogliarello: Popsophia scalda Rocca Costanza. Il programma del weekend

di 

6 luglio 2015

 Domenica 12 luglio alle 23.30 sul palco della Rocca Costanza di Pesaro il filosofo belga Laurent de Sutter proporrà al pubblico della quinta edizione di Popsophia “Allegria di Naufragi” un sexy naufrage, una chiusura inedita, una performance capace di unire, come per incanto, erotismo e filosofia.

Luana

Luana

Sulle note live della mitica Blue Velvet di Bobby Vinton – canzone erotica per eccellenza, che ispirò a suo tempo anche il regista David Lynch per il titolo del suo Velluto Blu i connotati della classica conferenza si trasfigureranno in spettacolo dal vivo grazie alla performance della streapteaseuse Luana

Roland Barthes affermava che lo striptease è un modo di desessualizzare la donna nel momento stesso in cui la si spoglia – commenta Laurent De Sutter, già protagonista nella scorsa edizione di Popsophia nell’appuntamento dedicato alla “Metafisica della puttana” – ma forse aveva torto. Lo striptease realizza davvero ciò che promette: è un atto sessuale sui generis”.

Un tema controverso, proposto in una formula completamente inedita per il panorama culturale nazionale. Una spogliarellista e un filosofo: due figure attorno a cui si consumano i grandi temi che agitano da sempre l’opinione pubblica e il mondo della critica tra sessualità e desiderio, arte e pornografia.

Realizzata nell’ambito della rassegna Île de France, nata dalla collaborazione con Jacques Serrano – direttore della Semaine de la Pop Philosophie di Marsiglia e Bruxelles – “La poetica dello striptease” promette di inquietare il pubblico, posto di fronte a una delle sfide più spregiudicate della popsophia contemporanea.

La pop filosofia non si accontenta infatti di comporre teorie sugli oggetti del mondo, vuole toccarli con mano, sperimentarli in prima persona. Per questo motivo De Sutter non vuole limitarsi a parlare dello striptease, ma lo mette in scena, invitando i presenti a unirsi a lui in questo esperimento di pensiero critico ai limiti dell’illecito.

Tutto il discorso sull’erotismo del velamento e la pornografia dello svelamento deve invertirsi – conclude De Sutter – il velamento diventa il momento di ipocrisia di cui la pornografia rappresenta la controparte di verità.”

Laurent de Sutter è un autore belga. Parallelamente alle sue attività letterarie, De Sutter è un ricercatore in teoria del diritto e insegna presso la Facultés universitaires Saint-Louis (Bruxelles). E’ visiting honorary research fellow presso la Cardozo Law School (New York). Dirige inoltre la collana “Perspectives Critiques” della Presses universitaires de France. 

Grande appassionato di cinema, ha pubblicato il primo saggio di rilievo sul cinema pornografico:  “Pornostars-Fragments d’une métaphysique du X” (La Musardine, 2007).

Tra le sue ultime pubblicazioni ricordiamo “Contre l’érotisme”, (La Musardine, 2011); “Théorie du trou. Cinq méditations métaphysiques sur “Une sale histoire” de Jean Eustache” (Léo Scheer, 2013); “Métaphysique de la putain” (Léo Scheer, 2014).

Tutti gli appuntamenti sono a ingresso gratuito.

Per maggiori informazioni www.popsophia.it

Torna Philofiction a Rocca Costanza. House of Card, Breaking Bad e Grey’s Anatomy raccontano il naufragio sul piccolo schermo

Da venerdì 10 a domenica 12 luglio, alle ore 22.30, torna l’amatissima rassegna di Popsophia dedicata alle serie-tv, le opere d’arte di massa che in questa quinta edizione racconteranno il tema “Allegria di Naufragi”.

Salvatore Patriarca e Cesare Catà

Salvatore Patriarca e Cesare Catà

Gli ospiti – in dialogo con Salvatore Patriarca – commenteranno tre serie tv che in questi anni hanno saputo appassionare il pubblico di tutto il mondo raccontando le derive politiche, esistenziali e sentimentali del nostro vivere contemporaneo.

Si parte venerdì con Gianluca Briguglia che affronterà una delle serie tv più citate del momento: “Il naufragio del potere: filosofia di House of Cards”. Da Obama a Renzi ogni riferimento alla politica sembra non poter più prescindere dalla serie tratta dal romanzo di Michael Dobbs. Un’occasione per analizzare la vicenda umana e collettiva di un mondo politico che naviga a vista tra le tempeste della storia.

Sabato si torna a parlare – insieme a Tommaso Ariemma e Alessandro Alfieri – di una delle serie tv più amate e premiate di sempre: “Il naufragio di Walter White: filosofia di Breaking Bad”. Il naufragio esistenziale è un destino o una scelta? La riflessione partirà da un dettaglio pittorico: il quadro di un naufragio che punteggia i momenti fondamentali delle vicende del professore di chimica.

Ultimo appuntamento domenica con Cesare Catà e Monia Andreani che tracceranno la storia del naufragio sentimentale che ha fatto sognare per oltre dieci anni il pubblico di tutto il mondo. La storia d’amore tra Meredith e Derek sarà protagonista in “Abissi e carezze: la filosofia di Grey’s Anatomy (in memoriam di Derek Shepherd)”. Un appuntamento immancabile per gli appassionati della serie che ha rivoluzionato il genere del medical drama.

“La domanda che ci eravamo posti inizialmente – se la serie tv avesse dignità di opera d’arte – ha lasciato il posto all’analisi dettagliata delle singole serie tv, se non addirittura di singole scene o puntate – ha affermato Lucrezia Ercoli, direttrice artistica di Popsophia “Il pubblico che popola le Philofiction non è necessariamente specialistico ma è animato da quell’innato senso di curiosità e meraviglia che fin dall’antichità ha reso possibile il sentimento di amore per il sapere che altro non è che la filosofia stessa.”

I PHILOSHOW di Popsophia 2015: NAUFRAGAR CANTANDO

Torna la grande musica per la quinta edizione di Popsophia, Filosofia del contemporaneo, quest’anno dedicata al tema “Allegria di Naufragi”.

Dal giovedì alla domenica, alle 21.30, il Cortile diventa scenario di serate inedite di filosofia-spettacolo. Il Philoshow, infatti, è l’ultima sfida culturale di Popsophia e apre le porte a una nuova forma d’arte contemporanea: un mash-up che unisce filosofia, televisione, cinema, fiction e tormentoni musicali per scoprire la vita segreta della cultura pop.

Grazie alla regia video di Marco Bragaglia, alle interpretazioni di Chiara Pietroni e al rinnovato gruppo musicale Popsound – composto da Ettore Basili (voce e chitarra acustica), Piero Cappella (chitarra), Rebecca Liberati (voce), Matteo Moretti (basso), Gianluca Pierini (tastiere) e Luca Orselli (batteria) – le produzioni ideate dalla direttrice artistica Lucrezia Ercoli interpretano in modo inedito il tema del 2015.

Il primo appuntamento è per giovedì 9 luglio: dopo la Lectio Inauguralis di Massimo Recalcati la serata proseguirà alle 23.00 con uno spettacolo filosofico-musicale dell’ensemble Popsound: un assaggio degli spettacoli che animeranno il cortile di Rocca Costanza nelle serate del festival. 

Venerdì 10 luglio con il filosofo Adriano Fabris andrà in scena il philoshow “Il naufragar m’è dolce… Nichilismo da Nietzsche a Vasco Rossi”: un viaggio che condurrà il pubblico alla scoperta del messaggio filosofico di alcuni dei brani che hanno fatto la storia della canzone italiana.

Sabato 11 luglio sarà il turno de “Il Punto G. Il sardonico naufragio di Giorgio Gaber”, uno spettacolo filosofico-musicale, ideato e diretto dal regista Paolo Nanni e prodotto da CTR Teatro, che ruota intorno all’istrionica figura di Giorgio Gaber. Il suo allegro naufragio è una malinconica e ironica parodia di situazioni sociali ed esistenziali che celano scenari amari, come spiegherà anche Marcello Veneziani, che aprirà lo spettacolo con il suo intervento.

Il festival si chiude, domenica 12 luglio, con un dialogo impossibile tra il notissimo sociologo e psichiatra Paolo Crepet e la coppia cantautorale italiana che meglio ha saputo narrare il naufragio sentimentale personale e universale: Battisti-Mogol. “Io vivrò (senza te)” è un viaggio filosofico-musicale, nel sorriso e nel pianto, tra le tempeste amorose che accompagnano l’esistenza di ciascuno di noi tra disperazione e speranza di un nuovo inizio.

A introdurre i tre spettacoli tre grandi nomi della cultura italiana – Valerio Calzolaio, Simone Regazzoni e Massimo Donà – che con il loro intervento sapranno anticipare e descrivere la traiettoria della riflessione di ciascuna serata.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>