Estate, la stagione del tradimento. Nuovo appuntamento con la rubrica a cura di De.Sidera

di 

8 luglio 2015

Sabrina Dini*

Questo argomento è d’obbligo, sia perché siamo in estate sia perché ieri la Cassazione ha sentenziato: rivelare il tradimento al coniuge dell’amante è reato (http://www.ilgiornale.it/news/cronache/sentenza-cassazione-rivelare-tradimento-coniuge-dellamante-r-1149336.html) .

Tradimento: dal latino trâdere, indica ‘dare, affidare, consegnare’ e nei Vangeli è usato in riferimento alla consegna di Gesù alle guardie da parte di Giuda, e, quindi, equivale a ‘tradire’.

Gli amanti di Magritte

Gli amanti di Magritte

In generale, tradire significa venir meno alla fede data, ad esempio, il venire meno ad un impegno, deludere la fiducia, infrangere un patto.

Il tradimento è un atto, un’azione, che muta l’andamento e il senso dei rapporti tra le persone infrangendo una continuità, in base alla quale si tende a separare un prima e un dopo il tradimento. Ciò che viene tradito, è il senso di appartenenza e la relazione.

Il tradimento viene favorito inoltre principalmente da due aspetti:

1-Il fascino del proibito: Si tratta dello stesso meccanismo che possiamo notare nei bambini, so che non dovrei farlo ma è proprio per questo che mi attira.

2-Nel tradimento non ci sono obblighi, problemi da gestire, responsabilità, ecc: Gestire un rapporto con un partner stabile è molto più impegnativo…

Il tradimento è asimmetrico: esiste un divario tra le aspettative personali e la realtà dei fatti, tra l’immagine dell’altro attesa e quella affettiva.

Il tradimento è asincrono: il traditore percepisce il tempo come dilatato, per il tradito, invece, esso appare contratto, tutto si consuma velocemente.
Chi tradisce, tende a collocare il proprio atto in una dimensione di atemporalità, di sospensione, di rottura della continuità, difficilmente ripristinabile.

Il dolore, per la persona tradita, nasce dal fatto che le azioni, i gesti che si pensava fossero rivolti ad un Noi, in realtà, si riferivano ad un estraneo.

Il traditore è come se avesse vissuto un tempo doppio, della presenza e dell’assenza.

Il tradimento, per chi lo subisce, è estremamente destabilizzante, in quanto mette in crisi sia la fiducia interpersonale, sia la fiducia in se stessi fino a portare a vissuti di autosvalutazione e, a volte, di vera e propria depressione. Ci si sente sminuiti, disprezzati, e, talvolta, anche colpevoli per aver subito questo abbandono, inteso come perdita dell’immagine di se stessi da soli, insieme all’altro e dell’altro. Rendendo il soggetto improvvisamente consapevole della vulnerabilità propria e dei rapporti umani che intreccia, nonché della propria dipendenza.

Alcuni di noi sono maggiormente portati a dire no alle tentazioni, sanno controllarsi maggiormente, e magari scelgono di affrontare eventuali difficoltà con il partner.

Altri sono portati a pensare maggiormente a sé e alle proprie esigenze, a preoccuparsi meno delle ripercussioni delle proprie azioni.

È proprio questo il punto, spetta ad ognuno di noi decidere con chi vogliamo stare, se con l’una o l’altra tipologia di persona, cosa vogliamo o meno per noi, cosa siamo disposti o meno ad accettare!

E’ necessario distinguere l’Altro da Sé permettendoci di acquisire la consapevolezza NON SOLO di poter essere traditi, ma anche di essere dei traditori potenziali.

P.S.gli uomini sono esseri “visivi”, hanno bisogno di stimoli concreti e definiti ( la visione di corpi svestiti ). Le donne preferiscono essere corteggiate e sedotte“ (il sentirsi desiderata).

Buona estate…

*Psicologa

*DeSidera

Chi siamo:
L’associazione di psicologia e sessuologia “de.Sidera” vuole essere uno spazio culturale di discussione di tematiche psico-sessuologiche, un momento per riflettere sulla propria sessualità, per rendersi consapevoli che il piacere, in ogni ambito, è accessibile, basta volerlo.

L’ associazione “de.Sidera” è formata da psicologhe e sessuologhe e si occupa inoltre di servizi alla persona attraverso consulenze all’individuo, alla famiglia e alla coppia e fornisce servizi di consulenze ai professionisti.

Siamo a Fermignano e potete seguirci su:
www.desidera.psico@wordpress.it

www.facebook.com/desiderando

oppure contattarci su
mail desidera.info@gmail.com
cellulare 348.6516339

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>