Mondiali sordi, l’Italia femminile batte Taiwan e sabato sfida la Turchia per il quinto posto

di 

10 luglio 2015

TAIWAN – Una squadra vera si vede anche da come reagisce alle delusioni. E dopo l’amaro boccone ingoiato contro la Grecia non era facile ritrovare le energie fisiche e nervose a distanza di poche ore: qui si gioca tutti i giorni e il clima torrido-umido sfianca. Ma questa Nazionale sorde ha orgoglio e nella partita più delicata contro le padrone di casa di Taiwan (sostenute dal pubblico e arbitrate, fra l’altro, da una triade locale) tirano fuori una gara di carattere, schiantando la resistenza di Peng e compagne con un ultimo quarto spumeggiante (46-37 il risultato finale). Merito della carta a sorpresa giocata da coach Braida, che getta in campo l’esperienza di Anzhela Ovcharova, 6 punti di fila nel momento chiave. Ottime le due lunghe: doppia doppia sia per Anna Bonomi, 14 punti e 11 rimbalzi, che per Simona Cascio, 10 punti e 17 rimbalzi; mentre Giulia Sautariello regala sprazzi di classe assoluta con passaggi “no look” in contropiede (3 assist). Nell’altra sfida per i posti dal quinto all’ottavo, successo a sorpresa della Turchia sulla Svezia, risultato che conferma quanto fosse difficile il girone dell’Italia: comunque vada, quattro squadre chiuderanno fra le prime sei del Mondiale. Oggi, dunque, ultimo impegno contro la Turchia, già battuta all’esordio, ma attenzione perché le ragazze turche sono cresciute nel corso della manifestazione. Chi vince è quinto. E per l’Italia sarebbe una splendida conferma del la posizione conquistata due anni fa alle Olimpiadi.

La nazionale basket sorde dopo la vittoria

La nazionale basket sorde dopo la vittoria

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>