Cioppi a Las Vegas cerca due mani vincenti. Visionato Lacey, Musso torna?

di 

12 luglio 2015

PESARO – Dovrebbe essere questa la settimana giusta per conoscere i primi stranieri della Consultinvest 2015-16, con il ds Stefano Cioppi che fino a domenica resterà a Las Vegas, dividendosi tra la panchina di una formazione del Worldwide International – torneo satellite della Summer League – e il lavoro di scouting per la Vuelle, depennando ogni giorno decine di giocatori non ritenuti adatti alla Victoria Libertas che verrà. E nella speranza di ritornare in Italia con la firma di almeno un paio di atleti che andranno a comporre lo starting five a disposizione di coach Paolini dal prossimo settembre, la sensazione è che il primo a completarsi sarà il reparto esterni, con la guardia Trevor Lacey che è solo una delle tante visionate in questi giorni, anche se il prodotto di North Carolina State sta disputando una discreta summer League con la maglia dei Clevaland Cavaliers, nella remota speranza di strappare un garantito con i vice campioni del mondo, anche se sembra più adatto al gioco europeo.

Per lo spot di playmaker si torna a trattare con Chris Wright, anche se Cioppi ha nel suo mirino da almeno un paio di mesi un giocatore già rodato per l’Europa – dove ha disputato due stagioni nei campionati baltici – ma per il suo ingaggio si dovrebbe sforare la barriera dei 100.000 $ e in Largo Ascoli Piceno stanno valutando attentamente il da farsi, anche perché nelle casse biancorosse, per l’acquisto dei cinque componenti dello starting five, dovrebbero essere rimasti dai 350 ai 400 mila euro e la Vuelle si può permettere un solo “colpo” grosso.

Nel frattempo si sono accasati in Legadue sia Nicholas Crow (Scafati), sia Tommaso Raspino (Ferentino) a conferma di come il gruppo italiano dell’anno scorso fosse più adatto alla categoria inferiore che alla massima serie, discorso fatto più volte durante la stagione e che speriamo non debba ripetersi in futuro, anche se la coppia di lunghi composta da Candussi e Gazzotti qualche problemino potrebbe darlo, almeno in termini di affidabilità, mentre Ceron non dovrebbe avrebbe troppi problemi a sostituire Bernardo Musso, ma l’ex capitano potrebbe rientrare dalla porta di servizio, dopo che la Caserta di Dell’Agnello – rimasta in Legadue dopo la regolare iscrizione di Roma al campionato – ha firmato l’ex biancorosso Daniele Cinciarini, chiudendo di fatto la possibilità per l’oriundo argentino di guadagnare il doppio rispetto al suo ultimo anno in canotta Vuelle.

Adesso l’ex capitano pesarese dovrà decidere se scendere in Legadue, dove un paio di formazioni sono interessate al suo ingaggio o cercare una sistemazione difficile in serie A, dove il suo status di oriundo non lo fa rientrare nel computo del minutaggio degli italiani, così potrebbe ritornare indietro sui suoi passi e “accontentarsi” dell’offerta (€ 50.000?) propostagli dalla Vuelle un mesetto fa, ma ci chiediamo: avrebbe senso ingaggiare un giocatore nello stesso identico ruolo di Ceron – tra l’altro di sei anni più vecchio – e soprattutto, in mancanza di nuove risorse economiche, non sarebbe rischioso limare ulteriormente il budget disponibile per il quintetto, precludendosi magari la possibilità di arrivare ad un buon giocatore, per accontentarsi di qualcuno appartenente ad una fascia tecnica inferiore? Ne riparleremo nei prossimi giorni.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>