La cafonata dell’estate: il tuffo tedesco nella fontana

di 

13 luglio 2015

Ok, noi per loro siamo quelli della pizza, pasta e mandolino. Siamo quelli che fanno sempre rumore. Siamo quelli che parlano a voce alta e, dove andiamo, abbiamo un propensione a farci notare, a fare casino, a rispettare a modo nostro le regole. Ma la cafonata dell’estate 2015 è tutta teutonica: il tuffo del turista tedesco nella fontana, presa come una piscina qualunque, in barba al valore storico e pure ai probabili valori dell’acqua in cui ci vanno a bere, solitamente, i piccioni e dove la pulizia non è certo pari a quella di una piscina vera. A Fano il bagno è avvenuto addirittura in piazza XX Settembre: lo scorso 11 luglio alcune coppie di turisti tedeschi hanno messo a mollo i loro piccoli figli. Alcuni passanti, allora, hanno cortesemente fatto notare che non era il caso ricevendo per tutta risposta solo spallucce e sorrisi. Segnatevi questo termine: Frechheit. Maleducazione. Perché i maleducati non sono solo italiani, sono anche i precisissimi (a casa loro) tedeschi. Per farli desistere sono serviti i vigili urbani. Ma senza multe. Stessa scena a Pesaro, nella fontana che accoglie la Palla di Pomodoro: bagni e lavaggi ripetuti, vascate che neanche Magnini, come se l’Italia avesse vinto il Mondiale di calcio e ci fosse qualcosa da festeggiare. Dice: faceva caldo. Non regge. C’è il mare a 50 metri, se proprio non si resiste. Questione di regole da rispettare, questione di Frechheit.

Il tuffo alla Palla

Il tuffo alla Palla

 

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>