Bancarotta fraudolenta: 2 imprenditori della nautica nei guai. Maxisequestro di villa e conti correnti per 250mila euro

di 

14 luglio 2015

Guardia di Finanza

Guardia di Finanza

FANO – La Guardia di Finanza di Pesaro ha eseguito un’operazione che ha portato all’esecuzione di 2 misure cautelari del divieto di esercitare attività imprenditoriali e al sequestro di beni per 250mila euro nei confronti degli amministratori di una società di Fano operante nel settore della costruzione di imbarcazioni da diporto, dichiarata fallita nell’anno 2012.

Le indagini, sviluppate dal Nucleo di Polizia Tributaria di Pesaro e coordinate dalla Procura della Repubblica presso il Tribunale di Pesaro, hanno consentito di ricostruire le vicende societarie della fallita e di individuare le responsabilità degli amministratori i quali hanno distratto il patrimonio della società per un ammontare complessivo di euro 5,6 milioni di euro.

Le azioni distrattive sono avvenute con alterazioni della contabilità e dei bilanci nonché con pagamenti a fronte di prestazioni fittizie verso ulteriori società sempre riconducibili agli indagati.

Anche i beni strumentali della società fallita, per un valore complessivo di oltre 1,4 milioni di euro, venivano ceduti a terze società, di fatto gestite dai medesimi amministratori.

Nel corso delle indagini è stata inoltre accertata la distrazione fraudolenta, operata dai medesimi soggetti, di un finanziamento europeo di euro 253.554,60 concesso nel 2010 dalla Provincia di Pesaro e Urbino alla società fallita in quanto aggiudicataria di un progetto comunitario per la costruzione di un prototipo di imbarcazione con l’utilizzo di materiale di riciclo. Tale finanziamento, come accertato dalla Fiamme Gialle non è stato utilizzato per la costruzione dell’imbarcazione, peraltro mai realizzata, ma è confluito nei conti correnti delle persone indagate.

Si è altresì proceduto al sequestro dei beni personali degli indagati sino all’ammontare del valore del contributo comunitario indebitamente percepito.

I provvedimenti hanno interessato in particolare una villa di pregio a San Costanzo e disponibilità bancarie per oltre 128 mila euro.

Gli indagati sono stati denunciati per bancarotta fraudolenta documentale e patrimoniale, nonché per truffa aggravata e riciclaggio, e non potranno esercitare attività imprenditoriali per la durata di un anno.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>