Nuovo primario di Medicina all’ospedale di Pergola. La soddisfazione di Talè

di 

15 luglio 2015

Il consigliere regionale Federico Talè (primo da sinistra) durante la sua recentissima visita all’ospedale di Pergola

Il consigliere regionale Federico Talè (primo da sinistra) durante la sua recentissima visita all’ospedale di Pergola

PERGOLA – “Notizia molto importante per l’ospedale di Pergola: il reparto di Medicina del nosocomio cesanense, dopo un lunghissimo periodo, ha di nuovo il suo primario”.

Lo evidenzia il neoconsigliere regionale Federico Talè, esponente della provincia di Pesaro e Urbino nell’ambito della quarta commissione consiliare permanente delle Marche, dedicata alla sanità e alle politiche sociali. Una notizia che segue di pochissimi giorni la visita-confronto effettuata da Talè all’ospedale della città dei Bronzi, svoltasi l’8 luglio. Un “sopralluogo” di tre ore durante le quali ha incontrato il personale medico e infermieristico dei vari reparti, confrontandosi con chi, ora dopo ora, mette a disposizione le proprie competenze per garantire il diritto alla salute, che gli ha consentito di toccare con mano la realtà di questo presidio sanitario e dopo il quale si è messo subito al lavoro per fornire delle risposte.

E la prima risposta è già arrivata: “L’ospedale di Pergola – sottolinea direttamente Federico Talè – ha il suo nuovo primario di medicina. Si tratta del dottor Paolo Lucarelli. La nomina è avvenuta il 14 luglio, con la determina 628, e il medico inizierà il suo incarico il primo di agosto. Ringrazio, condividendo con loro la soddisfazione per questo primo importante risultato, il presidente della Regione Luca Ceriscioli, che segue in prima persona la sanità, il presidente della quarta commissione Fabrizio Volpini e il direttore dell’Area Vasta 1 dell’Asur Maria Capalbo”.

“Il nosocomio pergolese – aggiunge il consigliere regionale – l’unico del nostro entroterra ad essere stato confermato come ospedale per acuti, è senza dubbio una struttura indispensabile per un ampio territorio che travalica di gran lunga la Valcesano e che possiede potenzialità e professionalità di rilievo. Per questo, è indispensabile continuare a lavorare per la sua tutela e per il suo potenziamento. Adesso che abbiamo raggiunto il primo obiettivo, dobbiamo centrarne a breve degli altri, a partire dalla nomina del primario di chirurgia, un reparto che rappresenta un’autentica eccellenza e al quale si rivolgono utenti anche da Fano e da fuori provincia”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>