Dal 2016 impianto di cremazione al cimitero di Fenile. Ricci e Seri: “Progetto che segna il livello di civiltà del territorio”

di 

16 luglio 2015

Matteo Ricci, Massimo Seri, Susanna Testa e Luca Pieri

Matteo Ricci, Massimo Seri, Susanna Testa e Luca Pieri

PESARO – Con un accordo tra Pesaro e Fano, il cimitero dell’Ulivo di Fenile ospiterà il primo impianto di cremazione in grado di servire il bacino provinciale, ma si guarda anche ad estendere l’utenza fuori dai confini. Lo hanno annunciato stamattina i due sindaci Matteo Ricci e Massimo Seri, il presidente di Aspes Luca Pieri e il presidente di Aset Susanna Testa, all’interno del cantiere che ha già avviato i primi interventi propedeutici per la struttura.

Il cronoprogramma prevede, entro il mese settembre, il bando di gara e l’affidamento dei lavori; entro il 2016, il collaudo e la piena operatività dell’impianto. Nota Matteo Ricci: “E’ un progetto che segna il livello di civiltà di una comunità. Lo definisco un segnale di modernizzazione della società: va incontro alla libera scelta delle persone sulle modalità della loro sepoltura. La richiesta della cremazione è in forte aumento ma oggi molti familiari, nel nostro territorio, non riuscivano a realizzare il desiderio dei loro cari. Considerate le difficoltà ed i disagi, spesso rinunciavano: con questo impianto ci sarà un’opportunità in più, all’interno del cimitero più funzionale della provincia, a metà strada tra Pesaro e Fano. Due Comuni che non hanno mai lavorato bene insieme come ora, grazie a un approccio che evita i campanilismi”.

L’investimento totale sarà di 2 milioni e 387mila euro, “ma il progetto si autofinanzierà con il lavoro prodotto nella struttura – osserva Luca Pieri – In questi anni, l’approccio verso i servizi cimiteriali si è modificato: sono diminuite le sepolture classiche; sono aumentate, di contro, le sepolture nei campi di inumazione e le cremazioni. Oggi gli impianti più vicini sono a Cesena e a San Benedetto del Tronto: con il nostro progetto serviremo un bacino che supera i tre milioni di abitanti in una isocrona di due ore”.

Cimitero impiantoSui numeri. “Solo a Pesaro e Fano – prosegue il presidente Aspes – nel 2014 ci sono stati 1.700 decessi: di questi, 265 defunti sono stati cremati in impianti fuori regioni. Dal 2007 ad oggi la cremazione è passata dal 5,1 al 10,5% nel territorio: un trend in crescita. La gestione in pareggio? Si raggiungerà intorno ai 1.500 servizi di cremazione: il bacino di utenza garantisce questo livello. Il luogo ospiterà anche una sala di commiato e depositi cinerari. Con Aset e Fano lavoreremo in sinergia su altri progetti”.

Per realizzare l’impianto, Aset e Aset hanno costituito una società srl ad hoc, Adriacom cremazioni, “che ha ottenuto proprio nei giorni scorsi il finanziamento bancario – osserva Susanna Testa – Un ottimo risultato: conferma la validità del progetto e la solidità delle due società. Negli ultimi mesi del 2014 e nei primi mesi del 2015 il tavolo di lavoro ha avuto un’accelerazione, ognuno ha portato il suo contributo. Tutte le criticità sono state prese in esame per ridurre al minimo l’impatto del cantiere sul cimitero”.

Chiude Massimo Seri, il sindaco di Fano: “E’ una risposta ad una sensibilità sempre più forte. Al di là delle chiacchiere strumentali, abbiamo impostato una collaborazione tra Pesaro e Fano che guarda lontano e produce risultati concreti. Continueremo su questa linea. Un dato da evidenziare è la natura completamente pubblica della società”.

Con due cremazioni al giorno (costo di poco inferiore ai 500 euro), già dal primo anno sarà possibile raggiungere il pareggio di bilancio. Nel piano economico, “per motivi di prudenza”, non è stato compreso il futuro trattamento delle salme non mineralizzate. Un dato che potrebbe far crescere ulteriormente la media delle cremazioni, considerato che nell’arco di 15 anni scadranno per le amministrazioni le prime concessioni dei loculi di durata compresa tra i 35 e i 45 anni.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>