Delitto Andrea Ferri, ergastolo per Sabanov. Il complice Bary condannato a 24 anni e 4 mesi. Il fratello Michele: “Almeno giustizia è fatta”

di 

16 luglio 2015

Il povero Andrea Ferri

Il povero Andrea Ferri

PESARO – Delitto Andrea Ferri, ergastolo per Donald Sabanov, più 12 mesi di isolamento diurno. Ventiquattro anni, invece, per Karim Bary, il suo complice. Queste le sentenze uscite qualche minuto fa dalla Corte d’Assise, che si è pronunciata sull’omicidio del benzinaio pesarese avvenuto nel giugno 2013.

Accolte in toto le richieste del pubblico ministero, secondo cui il 26enne macedone Sabanov temeva che il povero Andrea Ferri volesse licenziarlo perché assente e svogliato al lavoro. Il complice, il 25enne marocchino Karim Bary, per i giudici era a conoscenza del delitto che si sarebbe consumato di lì a poco, ma non avrebbe fatto nulla per evitarlo.

Soddisfazione in aula, davanti alla vedova, alla figlia e al fratello di Andrea, presenti assieme a una schiera di amici e conoscenti del benzinaio ucciso barbaramente a 51 anni.  Tante persone indossavano una maglietta col viso di Andrea Ferri e la scritta Andrea sempre con noi.

Tante urla verso Sabanov: da assassino a boia. La moglie di Andrea, Simona: ”Abbiamo avuto giustizia. Eravamo certi che sarebbe arrivata e così è stato. Un ringraziamento al grande lavoro degli inquirenti e un grazie al cuore di tantissima gente che ci ha sempre sostenuto”.

Così Michele Ferri, il fratello, su Facebook: “Andrea ci manca sempre tantissimo ma almeno ha avuto giustizia. Bravissima il PM, dottoressa Garulli, che ha ricostruito tutto il fatto senza tralasciare una virgola, bravissima tutta l’Arma dei carabinieri che lavorando notte e giorno ha catturato quei due delinquenti, grazie a tutte quante le persone che ci sono state accanto in aula e con il pensiero!”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>