Venerdì 17? Un marchigiano su due tocca ferro. Il sondaggio

di 

16 luglio 2015

PESARO – Venerdì 17 non fa più paura! Oltre l’80% dei marchigiani si ritiene immune alla “eptacaidecafobia”, la paura del venerdì diciassette. Ma allo stesso tempo il 45% dei marchigiani si dichiara “superstizioso” e ad 1 marchigiano su 2 capita di fare “gesti scaramantici”. L’ultimo sondaggio di Sigma Consulting indaga su superstizioni e credenze popolari.

Sondaggio Sigma Consulting su superstizioni

Sondaggio Sigma Consulting su superstizioniChi troverà un bel quadrifoglio in questa calda estate? Il 42% dei marchigiani se lo augura giacchè è convinto che possa portare fortuna. Nell’ambito dell’Osservatorio Sociale sugli Orientamenti dei Marchigiani(O.S.O.M.), l’istituto pesarese di studi socio-economici Sigma Consulting ha riscontrato come la comunità marchigiana sia ancora (molto) legata ad alcune credenze popolari ed alle scaramanzie: il 45% difatti si dichiara superstizioso.

Andando a verificare la percezione dei cittadini su alcune delle superstizioni più diffuse, è risultato che “rompere uno specchio” è l’incubo del 37% dei marchigiani, e si piazza al primo posto tra le credenze popolari più temute. Il 34% degli interpellati crede invece nel potere delle maledizioni e del malocchio; mentre si attesta al 31% la percentuale di coloro che credono che cose o persone possano portare sfortuna. Venerdì 17, invece, non incute più tanto timore, l’80% dei marchigiani difatti non crede assolutamente che possa rappresentare una data nefasta.

La ricerca sociologica ha indagato peraltro su quali fossero i comportamenti che gli intervistati mettono in atto per evitare guai e sfortune: il 54% dei marchigiani è solito fare gesti scaramantici mentre il 25% fa suo il detto “né di venere né di marte ci si sposa né si parte”; e tra chi evita di passare sotto le scale (28%) e di sedersi a tavola in 13 (13%!), per una volta saranno soddisfatti gli animalisti: solamente l’11% degli intervistati dichiara di arrestarsi in macchina dopo il passaggio di un gatto nero.

Sondaggio Sigma Consulting su superstizioni

“I dati mostrano come credenze e superstizioni popolari, che si tramandano di generazione in generazione, siano ancora ben radicate nella cultura marchigiana – dichiara Alberto Paterniani, direttore ricerche di Sigma Consulting – e difatti il 45% dei marchigiani si guarda bene dal girare le spalle alla Dea bendata“.

Sondaggio Sigma Consulting su superstizioniE l’oroscopo? Secondo lo studio condotto da Sigma Consulting il 52% dei marchigiani lo consulta: c’è una minoranza che ci crede (2%) e chi lo legge per sfizio/curiosità (50%).

Buona estate, speriamo fortunata, da Sigma Consulting.

NOTA METODOLOGICA E INFORMATIVA
(in ottemperanza al regolamento dell’Autorità per le Garanzie nelle Comunicazioni in materia di pubblicazione e diffusione dei sondaggi sui mezzi di comunicazione di massa: delibera 256/10/CSP, allegato A, art. 5 del 9 dicembre 2010, pubblicato su G.U. 301 del 27/12/2010)

  • –  Titolo: I Marchigiani e le superstizioni
  • –  Soggetto realizzatore: Sigma Consulting snc
  • –  Committente/acquirente: Sigma Consulting snc
  • –  Periodo di realizzazione: 16 – 19 giugno 2015
  • –  Tema: sondaggio sul rapporto dei marchigiani con le superstizioni
  • –  Tipo e oggetto dell’indagine: sondaggio d’opinione a livello regionale
  • –  Popolazione di riferimento: popolazione maggiorenne residente nella Regione Marche
  • –  Estensione territoriale: intero territorio regionale
  • –  Metodo di campionamento: campionamento casuale dalle liste degli abbonati al telefono 2014/2015,stratificato e ponderato per sesso, classe d’età, provincia e ampiezza demografica dei centri (successivaponderazione per titolo di studio)
  • –  Rappresentatività del campione: il campione è rappresentativo dell’universo specificato rispetto allevariabili di stratificazione.
  • –  Margine di errore: 3,3% (ad un livello di confidenza del 95%)
  • –  Metodo di raccolta delle informazioni: cati (computer assisted telephone interview) e cawi (computerassisted web interview)
  • –  Consistenza numerica del campione: 800 casi (600 cati e 200 cawi). Totale contatti cati: 3.992. Rifiuti: 2.399. Non reperibili: 993. Totale contatti cawi: 372. Rifiuti: 172.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>