Trevor Lacey, primo colpo straniero della Consultinvest: il classico combo-guard

di 

22 luglio 2015

Primo arrivo straniero in casa Consultinvest: Pesaro ingaggia con un contratto annuale Trevor Lacey, guardia 24enne di 191 cm, proveniente da North Carolina State, dove ha giocato nell’ultima stagione con discrete cifre – 15.7 p.ti, 4.6 rimb. 3.5 assist – mentre nei due anni precedenti si trovava all’Università di Alabama, non selezionato per il draft Nba, ha disputato la Summer League con la maglia dei Cleveland Cavaliers, ma difficilmente sarebbe riuscito a strappare un contratto ad una franchigia Nba e, come molti suoi coetanei, ha preferito cominciare la sua avventura da professionista in Europa, con la speranza di farsi notare per riprovare l’estate prossima a rientrare nell’Nba dalla porta di servizio.

Che tipo di giocatore è Trevor Lacey?

Trevor Lacey

Trevor Lacey

Classica combo-guard capace di ricoprire entrambi i ruoli da esterno, anche se il meglio di sé lo esprime nel suo ruolo naturale di guardia, grazie ad una buona velocità di base e un discreto controllo del corpo che gli consente di presentarsi spesso in vicinanza del ferro, concludendo le azioni in contropiede o battendo l’avversario diretto con un buon uso del ball-handling, destro naturale, può comunque chiudere l’azione anche con la mano mancina in una fase offensiva dove il tiro da tre è un’arma ondivaga, non essendo un tiratore naturale ma costruito, in grado comunque di mettere anche triple nei momenti topici grazie ad una naturale predisposizione ad assumersi responsabilità nei finali infuocati. Può essere utilizzato anche da play, grazie ad una buona visione di gioco, utile soprattutto per trovare il tiratore libero sul perimetro, mentre qualche problemino potrebbe averlo nel servire i suoi lunghi, in fase difensiva se la cava benino, pur non essendo un maestro, grazie ad una buona presenza fisica che non la fa soccombere nello scontro diretto e anche a rimbalzo può dare una bella mano sfruttando le sue doti in elevazione, come tutti i rookies avrà bisogno di qualche settimana per adattarsi al modo di giocare europeo, ma Lacey ha qualità tecniche e fisiche per poter far bene anche in Italia.

Cosa si aspetta da Trevor Lacey la Consultinvest?

Punti, punti ed ancora punti, perché dopo gli ultimi esperimenti parzialmente falliti, la Vuelle ha bisogno di una guardia con almeno 15 punti nelle mani ogni domenica, senza troppi alti e bassi, ma in grado di garantire un contributo offensivo costante nel tempo, se questi punti arriveranno dalla linea dei tre punti, dal contropiede o dai liberi – 73% in carriera – avrà un valore relativo, l’importante è che Lacey riesca ad essere una minaccia costante per le difese avversarie, senza accusare quei cali di rendimento nocivi per una Consultinvest che – visto il relativo valore della panchina – dovrà spremere al massimo il suo quintetto per non incorrere in brutte sorprese.

Nei prossimi giorni sono attesi altri annunci da parte della dirigenza biancorossa, in procinto di firmare l’ala piccola (Levi Randolph?) e il centro (Shawn Jones?), mentre si complica la pista che portava a Corey Hawkins e sta prendendo quota il nome di Romero Osby per lo spot di ala grande.

CONSULTINVEST 2015-16:

Quintetto: Panchina:

Playmaker: xxxx Basile (confermato)

Guardia: Lacey (nuovo) Ceron (nuovo)

Ala piccola: xxxxx Serpilli (nuovo)

Ala grande: xxxxx Gazzotti (nuovo)

Centro: xxxxx Candussi (nuovo)

Allenatore: Riccardo Paolini (confermato)

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>