Fano Jazz by the Sea, parte oggi la ricchissima 23esima edizione

di 

24 luglio 2015

FANO – 4 esclusive nazionali, 91 musicisti che si alterneranno all’Anfiteatro Rastatt, alla Corte  Sant’Arcangelo e alla Golena del Furlo; altri 70 che animeranno i concerti – aperitivo nei locali del Centro Storico e delle Spiagge Lido e Sassonia: questi i primi grandi numeri della XXIII edizione di Fano Jazz By The Sea. E poi mostre fotografiche e di disegni, proiezioni di film, attività didattiche, iniziative turistiche: dal 24 luglio, per nove giorni filati,  Fano si trasformerà in una vera e propria Città del Jazz e della Musica tutta.

Anfiteatro Rastatt durante Fano Jazz

Anfiteatro Rastatt durante Fano Jazz

All’Anfiteatro Rastatt, proprio in riva all’Adriatico, si terranno i concerti principali, con artisti di fama internazionale che offriranno nell’insieme un significativo spaccato dell’espressività jazzistica contemporanea. Protagonisti d’eccezione del primo appuntamento saranno, venerdì 24 luglio, il sassofonista Joshua Redman, uno dei tenoristi più ferrati attualmente in circolazione, e i Bad Plus, Ethan Iverson al pianoforte, Reid Anderson al contrabbasso e David King alla batteria, ovvero uno dei più originali piano jazz trios degli ultimi decenni.

Marius Neset

Marius Neset

Nelle serate successive si potranno quindi ascoltare il quintetto del sassofonista norvegese Marius Neset, uno dei nomi nuovi della sempre fiorente e stimolante scena scandinava proposto da Fano Jazz By The Sea sabato 25 in esclusiva nazionale. La sera dopo sarà la volta della coppia transalpina formata dal sassofonista e clarinettista Michel Portal, personalità geniale che il pubblico di Fano ha già avuto modo di apprezzare più volte, e dal fisarmonicista Vincent Peirani, nuova star del suo strumento. Ancora un duo, ma stavolta improntato al dialogo fra Europa e Stati Uniti, sarà al centro del concerto di lunedì 27 luglio: Paolo Fresu e il pianista Uri Caine rinnoveranno di fronte al mare il loro collaudato, ma sempre sorprendente, sodalizio. Nelle due serate seguenti l’Anfiteatro Rastatt si tingerà dei colori dell’Africa e della musica latina, prima con la bravissima cantante Dobet Gnahoré, originaria della Costa D’Avorio, e poi con il talentuoso cantante e chitarrista del New Mexico Raul Midon. Giovedì 30 luglio tornerà a Fano il più internazionale dei jazzisti italiani, Enrico Rava, che si presenterà alla guida del suo New Quartet, allargato per l’occasione al sassofonista Stefano di Battista. L’ultimo concerto all’Anfiteatro Rastatt, venerdì 31 luglio, sarà ancora dedicato al jazz del Vecchio Continente e in particolare a quello scandinavo, con il chitarrista Eivind Aarset, visionario esponente del mondo della sei corde.

Paolo Fresu & Uri Caine

Paolo Fresu & Uri Caine

Concerto conclusivo alla Golena del Furlo

Da anni ormai, Fano Jazz By The Sea si conclude con un concerto (ad ingresso gratuito) sui prati della Golena del Furlo, bellissima cornice naturale che ogni volta accoglie migliaia di appassionati riuniti appositamente per celebrare una coinvolgente, vera e propria “festa della musica”.  Il sigillo finale alla XXIII edizione verrà posto domenica 2 agosto dai messicani Troker, spettacolare, travolgente formazione mai prima ascoltata in Italia che già si candida ad essere una delle rivelazioni del Festival. Prima dei Trocker salirà in palcoscenico il cantautore Matthew Fortunati, meglio noto come Blanket Fort.

Concerti alla Corte Sant’Arcangelo

La Corte Sant’Arcangelo è la new entry della nuova edizione di Fano Jazz By The Sea, un luogo dove il Festival, dal 24 al 31 luglio, con inizio dei concerti alle ore 23, darà risalto a nuove proposte sia locali che nazionali, alle collaborazioni fra musicisti provenienti da varie nazioni e da diverse regioni italiane e a progetti multidisciplinari. A questi ultimi si ascrive l’incontro, di venerdì 24 luglio, fra il bandoneonista Daniele di Bonaventura e il danzatore Lorenzo Lori: un dialogo tra evocazione e fisicità dove l’antico e inconfondibile suono del bandoneon incontra la danza libera dei nostri giorni. Nelle serate successive si potranno quindi ascoltare in ordine di apparizione la Roost Big Band, principalmente formata da musicisti dell’Emilia-Romagna attivi a livello nazionale, il quartetto del trombettista Massimo Uncini, il gruppo della sassofonista e cantante statunitense Camille Thurman, i marchigiani Ropesh, il corposo progetto Rhythmoflight del batterista Lorenzo Ghetti Alessandri. Ed ancora: il Fuel Quartet, uno dei tre gruppi selezionati da una giuria presieduta da Franco D’Andrea, nell’ambito del progetto “We Insist” per la promozione dei giovani talenti realizzato dell’Associazione Musicisti di Jazz Midj, e il trio Daydream.

Joshua Redman

Joshua Redman

Jazz & Sail

Tra le tante iniziative che si affiancheranno ai concerti di Fano Jazz By The Sea 2015 spicca l’escursione a bordo del Caicco “Regina Isabella”, in programma martedì 28 luglio, con partenza alle ore 17 dal Porto di Fano – Marina dei Cesari, con destinazione  il Sottomonte del Parco San Bartolo, e rientro alle 20,30. A bordo si assisterà alla performance del bandoneonista Daniele di Bonaventura, seguita da grigliata di pesce innaffiata da vini locali. La partecipazione è limitata a 35 persone. Quota 58 Euro a persona. Per prenotazioni 0721 287282, info@esatour.it.

Prevendite online: www.vivaticket.it

dal  14 luglio presso il Botteghino del Teatro della Fortuna, tel. 0721 800750

Informazioni: Fano Jazz Network, cell. 342 0601568 – tel. 0721 803043 – info@fanojazznetwork.org

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>