F.1 – VETTEL GRANDE VITTORIA IN UNGHERIA NEL RICORDO DI JULES BIANCHI

di 

26 luglio 2015

La monoposto di Vettel

La monoposto di Vettel

Vettel,Vettel, Vettel. Ritorna la Ferrari con una grande vittoria di Vettel, in un giorno che non poteva essere più adatto, quello del primo gran premio “senza” Jules Bianchi. Un successo limpido , una gara condotta in testa fin dal primo giro, quando il tedesco della Ferrari brucia dalla seconda fila le due Mercedes superate anche da Raikkonen. Poteva essere doppietta se la power unit del finlandese non fosse andata in tilt costringendolo al ritiro, peccato perché oggi Kimi meritava veramente di essere anche lui protagonista. Vettel ha vinto contro tutti e tutto, partendo dalla Mercedes con Hamilton e Rosberg andati in “bambola” ed autori di errori a ripetizione. Ci ha provato “involontariamente” la Safety Car, entrata per l’incidente innocuo di Hulkenberg annullando il vantaggio della Ferrari, Vettel ha vinto contro le riprese della regia, alla quale oggi il “ fhurer” Bernie Ecclestone ha per non si sa bene quale polemica limitato di riprendere le Rosse. Ha vinto contro quel simpaticone mangia crauti di Lauda, sempre molto generoso e rispettoso nei confronti della squadra che lo ha reso celebre, l’ex campione aveva dichiarato ieri “che gli italiani sono capaci solo di fare gli spaghetti”. All’austriaco ha risposto in modo velato ma schietto anche un Maurizio Arrivabene che oggi si è tolto davanti ai microfoni diversi sassolini dalla scarpa.

Vettel ha vinto per Jules Bianchi, con dedica emozionata via radio, una vittoria che sa di “regia divina” visto il momento in cui è arrivata. Ha vinto per confermare che nonostante le difficoltà la Ferrari c’è. Ieri commentando le qualifiche avevamo detto e sperato che l’Hungaroring come accaduto in passato, potesse regalarci una gara “vivace” e così e stato, sarebbe stato bello per la F.1, per i fans e per l’audience una doppietta della Ferrari, ma bisogna accontentarsi , anche perché le sorprese di oggi sono state veramente tante. Come detto sopra se lo meritava anche il “ritrovato” Raikkonen, bisognoso di difendere il sedile della sua Rossa, ma sappiamo che “Icemen” ha un carattere forte e se la SF-15T lo asseconda può essere protagonista della seconda fase del Campionato, indipendentemente dalle decisioni che molto probabilmente a Maranello sono già state prese. In ombra le Mercedes oggi è stata la giornata dei giovani e dei ritorni, per i primi splendido il secondo posto del russo di” Roma” Kvyat, al primo podio in carriera, grande il 17enne Verstappen che dopo nove gran premi in carriera e qualche incertezza sfiora il podio chiudendo quarto. Per i ritorni da segnalare il già annunciato “risveglio” della Red Bull che fa doppietta sul podio, quello del guerriero Alonso quinto con una McLaren-Honda in recupero ,confermato da Button 9°. Finalmente oggi non ci siamo annoiati davanti alla TV, sappiamo che molto probabilmente ritorneremo agli sbadigli, sorprende che i padri e padroni del “Circus” non si rendono conto che basta poco per ritornare a quello spettacolo che accontenta gli appassionati e li ha fatti ricchi, forse stanchi di far soldi lo stanno affossando senza alcun rispetto per chi ancora crede in questo meraviglioso sport.

ORDINE DI ARRIVO G.P. DI UNGHERIA

  1. VETTEL-FERRARI

  2. KVYAT- RED BULL

  3. RICCIARDO -RED BULL

  4. VERSTAPPEN- TORO ROSSO

  5. ALONSO- MCLAREN-HONDA

  6. HAMILTON- MERCEDES

  7. GROSJEAN-LOTUS

  8. ROSBERG- MERCEDES

  9. BUTTON-MCLAREN

  10. ERICSSON- SAUBER

Un commento to “F.1 – VETTEL GRANDE VITTORIA IN UNGHERIA NEL RICORDO DI JULES BIANCHI”

  1. brusco 54 scrive:

    Grande Vettel, piccolissimo Bernie: nonno ma parchè non vai a casa? sembri un bimbo che fa i dispetti alla Ferrari ma la Fi senza Ferrari….

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>