La proposta di Anna Renzoni: “Pesaro città sporca, puliamola noi un sabato al mese”

di 

30 luglio 2015

Anna Renzoni
In questi giorni mi sto domandando se come cittadina di Pesaro abbia una responsabilita’ oggettiva nella vita di Pesaro. Parlo della vita quotidiana, dei servizi, dei bisogni, del rispondere alle necessita’ che il mio territorio richiede o, forse, il tutto debba essere demandato, rinviato a quella entita’  formalmente esistente che si chiama istituzione comunale. Istituzione alla quale, anche io ho partecipato a formare, con il mio voto, con la mia scelta. La formalita’ dell’esistere non corrisponde spesso alla capacita’ del fare dell’esaudire i bisogni collettivi, quelli di tutti. Oggi, uno dei bisogni che vengono espressi, richiesti, a volte pregati, riguardano l’elementare richiesta di una citta’ pulita. Una citta’ che abbia e doni il piacere del vedere, vedersi. Una citta’ sporca, anche in pochi angoli, manifesta il dispiacere per chi la visiti, per chi la viva giorno dopo giorno. Sì, Pesaro è una citta’ sporca e, solo chi non vuol vedere non si accorge, della frantumazione dello sporco da quartiere a quartiere,c on “l’eccellenza del centro storico”, che diventa il biglietto di visita per turisti ed altri che vengono nella nostra citta’. Cosa fare, oltre al lamentarsi, contro un moloch immobile e irrangiugibile? Forse e’ arrivato il momento, per la citta’ ,per chi ama la citta’, di gridare che il Re e’ Nudo e che, solo i pesaresi, la gente che ama la citta’ non come cartolina ma, per gli spazi che vive e che vuole vivere, possono cambiare ed abbattere il silenzio. Coinvolgerci in prima persona, fare da soli, senza aspettare il re, diventa il solo modo di operare e, allora, facciamo noi per pulire la citta’. L’Amministrazione, oggettivamente corpo estraneo al proprio territorio, dovra’ fornire i mezzi e, tutti i cittadini che vogliono , hanno a cuore la citta’ non bella come da pubblicita’ ma pulita e quindi bella, faranno da soli. Individuamo 4 giorni l’anno, magari in coincidenza delle stagioni, magari il sabato e puliamo noi. Oppure, un sabato al mese, secondo le necessita’ espresse dai quartieri, per pulire, rendere bella la citta’, senza vergognarsi nel mostrarla.

Un commento to “La proposta di Anna Renzoni: “Pesaro città sporca, puliamola noi un sabato al mese””

  1. orilio scrive:

    Magari…..! Buona iniziativa!!!!!
    Ai posteri narrar…….
    Stiamo a vedere fiduciosi.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>