Il Rossini buongustaio era “urbinate” : disputa a suon di assaggi a Urbino dal 3 al 5 agosto

di 

31 luglio 2015

URBINO – Urbino contende a Pesaro il Gioacchino Rossini “grand – gourmet”. Una ricerca storica diventa l’occasione per scoprire le ricette amate e proposte dal Maestro pesarese, e ne viene fuori la fortissima influenza che sui gusti culinari del “Cigno di Pesaro” ebbe la nonna urbinate: Lucia Romagnoli, di Pieve di Cagna, frazione del comune di Urbino.

Rossini ai fornelli

Rossini ai fornelli

Ma non ci si ferma alla disquisizione teorica. A Urbino dal 3 al 5 agosto, con estensione dell’esperienzaanche al 13 dello stesso mese, dagli studi storici si passa direttamente ai fornelli: negli spazi della DATA – Orto dell’Abbondanza (Borgo Mercatale), uno dei Presidi EXPO Marche 2015 si tiene l’iniziativa dal titolo: “La cucina della nonna di Rossini‘. La proposta è un approfondimento sulle ricette, i ricordi e la passione per il buon cibo del maestro Gioacchino Rossini. Quello che il pubblico troverà, quindi, non sarà una semplice proposta gastronomica, ma un percorso filologico che farà scoprire come i gusti e le passioni di Rossini per certe pietanze derivassero dal legame con la figura della nonna Lucia, la quale influenzò la formazione enogastronomica del Maestro Pesarese e diede il via alla consolidata fama di esperto buongustaio, che accompagnò il musicista per tutta la vita, al pari della sua fama di compositore. Le ricette amate da Rossini -dice chi ha studiato la questione- erano quelle tipiche delle aree dell’urbinate: le carni pregiate, la tacchinella, le farciture antiche, l’abbinamento con i vini.

Insomma, Pesaro ne rimane certamente la “patria musicale”, ma Urbino potrebbe divenire la “patria culinaria” del celebre autore del Barbiere di Siviglia. Il confronto è aperto, e chi si vuole cimentare con questa nuova disputa, lo può fare davanti a una buona pietanza “rossiniana”, andando a Urbino dal 3 al 5 agosto, dalle 20.15, nella zona ristorazione della DATA – Orto dell’Abbondanza. Menu e discussione storica avranno al centro dell’attenzioneil tartufo e l’insalata,”i tacun sa’ la guleta” e “el bragiulon”. Info: tel. 338 110 60 80 / 333 590 04 04

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>