36 volte Rossini Opera Festival. Lunedì si alza il sipario

di 

7 agosto 2015

PESARO – Prenderà il via lunedì 10 agosto la trentaseiesima edizione del Rossini Opera Festival. In cartellone figurano una nuova produzione, La gazzetta, realizzata sulla base del recente ritrovamento di un corposo Quintetto, nonché le riprese di due allestimenti di grande interesse: La gazza ladra, messa in scena nel 2007, e L’inganno felice, mai più rivisto dal 1994.

RossiniAl fianco delle tre principali produzioni liriche, Il viaggio a Reims interpretato dai giovani talenti dell’Accademia Rossiniana; la Messa di Gloria; la consueta serie di Concerti (protagonisti Chiara Amarù, Olga Peretyatko e Nicola Alaimo); due nuove tappe del percorso Rossinimania (affidate all’arpista Paola Perrucci e ai Fiati dell’Orchestra Sinfonica G. Rossini); la settima ed ultima sessione dell’esecuzione integrale dei Péchés de vieillesse, in collaborazione con l’Ente Concerti di Pesaro, l’Accademia Musicale Napoletana e la Fondazione Rossini; il conclusivo Stabat Mater, con la suggestiva appendice della videoproiezione in diretta in piazza del Popolo; il percorso lirico per bambini Il viaggetto a Reims; i tradizionali Incontri a cura dei musicologi della Fondazione Rossini.

La gazza ladra (in scena il 10, 13, 16, 19 agosto alle 20 all’Adriatic Arena) è un’opera-bandiera per il Rossini Opera Festival, poiché ne inaugurò il 28 agosto 1980 la prima edizione. In cartellone, curiosamente, c’era anche, come quest’anno, L’inganno felice. La gazza ladra viene ripresa nella messinscena ideata da Damiano Michieletto, tanto apprezzata da meritare un Premio Abbiati della critica italiana per il miglior spettacolo dell’anno. Michieletto, coadiuvato dal suo inossidabile team creativo (Paolo Fantin alle scene, Carla Teti ai costumi e Alessandro Carletti alle luci) trasferisce le fatidiche azioni assegnate alla gazza a una fanciulla che nel dipanarsi della vicenda sogna di sostituirsi a lei, aggiungendo alla cadenza prosaica della cronaca il respiro alto dell’immaginazione poetica. Nel cast interpreti giovani per conferire piglio moderno ai comportamenti atemporali di un mondo popolare oppresso dalla violenza, guidati da Donato Renzetti sul podio di Orchestra e Coro del Teatro Comunale di Bologna. Nella compagnia di canto figurano Nino Machaidze, Marko Mimica, Alex Esposito, René Barbera, Lena Belkina, Simone Alberghini, Teresa Iervolino, Matteo Macchioni, Alessandro Luciano, Riccardo Fioratti, Claudio Levantino, nonché la personificazione della gazza del titolo, e cioè Sandhya Nagaraja.

La Gazzetta, seconda opera in cartellone (in scena l’11, 14, 17 e 20 agosto alle 20 al Teatro Rossini), sarà presentata in una nuova messinscena curata da Marco Carniti. Enrique Mazzola dirigerà Orchestra e Coro del Comunale di Bologna e un cast giovane e frizzante: Nicola Alaimo, Hasmik Torosyan, Maxim Mironov, Vito Priante Raffaella Lupinacci, Josè Maria Lo Monaco, Andrea Vincenzo Bonsignore, Dario Shikhmiri, ed Ernesto Lama.

Terza opera in programma è L’inganno felice, al Teatro Rossini il 12, 15, 18 e 21 agosto alle 20. Opera di rarissima esecuzione, torna a Pesaro dopo ben 21 anni nella versione firmata da Graham Vick. Denis Vlasenko dirigerà l’Orchestra Sinfonica G. Rossini e una compagnia di canto che comprende Mariangela Sicilia, Vassilis Kavayas, Davide Luciano, Carlo Lepore e Giulio Mastrototaro.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>