Ufficiale: retrocessione per Catania, Teramo e Savona. Brindisi esclusa dai campionati. La Vis risale in D?

di 

20 agosto 2015

PESARO – Vis virtualmente in D? Da regolamento sì ma, alla luce delle interpretazioni date fin qui dalla Figc, tutto potrebbe accadere. I due collegi giudicanti del Tribunale Sportivo, entrambi presieduti da Sergio Artico, pur con qualche sorpresa, hanno infatti accolto le richieste del Procuratore federale Palazzi per i due processi principali: retrocesse in sovrannumero Catania (in Lega Pro), Teramo e Savona (in D), esclusione dai campionati per il Brindisi (che potrebbe ripartire, su discrezione del Consiglio Federale, dall’Eccellenza o Promozione), solo penalizzazione per il Barletta, comunque fallito, e costretto a ripartire dall’Eccellenza. Salve, nonostante le premesse e le richieste dello stesso Palazzi, sia Vigor Lamezia che Torres: per loro solo punti di penalizzazioni (rispettivamente 5 e 2) e multe da scontare in Lega Pro.

Quindi, da regolamento, dovrebbero avvenire almeno tre ripescaggi in Lega Pro in sostituzione di Teramo, Savona e  Brindisi e altrettanti in D. Ma considerando le squadre in sovrannumero resta aperta qualsiasi soluzione, anche quella che potrebbe penalizzare la Vis mai come ora appesa a un filo.

Vis e Castelfidardo potrebbero tornare in D. Potrebbero, perché non è da escludere che la Lega Pro e Lnd puntino i piedi per far poi quadrare il numero delle partecipati. La Lega Pro, infatti, dovrebbe restare a 54: l’Ascoli andrà a prendere il posto del Teramo in B, l’Entella quello del Catania. Al posto di Ascoli, Teramo e Savona in Lega pro potrebbero essere ripescate Gubbio e Forlì (che pochi giorni fa era stata condannata all’Eccellenza) ma restano in corsa in linea teorica Samb e Taranto, Messina e Pro Patria. E per effetto domino, al posto di queste ultime, in D potrebbero risalire almeno Castelfidardo e Vis (poi c’è sempre il ricorso pendente della Gelbison, con udienza fissata il 3 settembre, per mancata presentazione online dell’iscrizione). Ora, non resta che attendere eventuali ricorsi (probabile quello del Teramo) che dovranno pervenire obbligatoriamente entro le prossime 48 ore.  Il secondo grado di giustizia è fissato per il 24 agosto ma potrebbe slittare al 31 agosto. Lunedì 24 potrebbe già esserci la compilazione dei gironi e calendari di B, Lega Pro e D con le virtuali ripescate (che, alla luce del secondo grado di giustizia, potrebbero però essere anche sostituite) o con una bella X al posto delle squadre in bilico. Insomma, una corsa contro il tempo per non far slittare l’inizio de campionati ma ad alta scivolosità.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>