Urbino, due nuove mostre alla Data: Recycling e Isoformica. Le foto

di 

21 agosto 2015

URBINO – Due nuove mostre aperte alla DATA, presidio EXPO2015. Due artisti contemporanei: Francesco Anemoni con “Recycling” e Romano Bozzolla con “Isoformica 22 11 2011”.
“Uno spazio magico, quindi accogliere gli artisti che creano nel territorio è per noi un fiore all’occhiello. Entrambi, in maniera diversa, operano con materiali recuperati reinterpretandoli, ma creando comunque una magia”. Le parole dell’assessore agli eventi della città ducale, Maria Francesca Crespini all’inaugurazione delle esposizioni che saranno in piedi fino al 31 agosto.

la recinzione 450x100Molto probabilmente però rimarranno aperte fino al 4 settembre visto l’interesse “dell’anima gemella” in Giunta della Crespini; l’assessore alla rivoluzione Vittorio Sgarbi.
“Recycling”, un monito al consumismo imposto dalla pubblicità e relativo danno ambientale, quando i rifiuti, vengono eliminati nell’inceneritore.”Sono anni che mi dedico a questo, un percorso che avevo già avviato quando ero preside dell’Istituto d’Arte di Riccione-spiega l’artista Francesco Anemoni-realizzare opere con i cartelloni pubblicitari e oggetti che servono per la promozione degli oggetti una volta che non servono più, ma che possono avere una seconda vita se rielaborati in maniera creativa.” Infatti secondo Anemoni, in questo genere di rifiuti, possiamo trovare una sobria poesia. La personale dell’artista riccionese, che ha toccato diverse località, è promossa dal circolo culturale Ars Zenit e permette al visitatore di fare un viaggio fino ad arrivare all’inceneritore che diventa un’installazione luminosa. Alcune sue opere, negli scorsi anni, hanno fatto parte delle vetrine della boutique di Riccione dello stilista Piero Guidi.
tipit.it 285x285

 

 

 

“Isoformica 22 11 2011” è un viaggio nel passato e nelle opere di Romano Bozzola, un passato che ricorre con tutte le sue emozioni. Nelle sue creazioni troviamo frammenti di negativi fotografici di prevendita lavori dell’artista, spini e siringhe come dolore, il tutto incastonato e appoggiato sul gesso. Una forte ricerca che attraverso gli accostamenti, i materiali e gli oggetti messi in relazione al grande sfondo cosmico. Ad accompagnare l’apertura di “Isoformica 22 11 2011” una significativa rappresentazione teatrale a cura di Teatrocust2000

LE FOTO:

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>