Formula 1, in Belgio solito dominio Mercedes con brivido finale per Vettel

di 

24 agosto 2015

 

Mercedes

Mercedes

Hamilton e Rosberg per il solito e annunciato dominio della Mercedes, brivido e delusione finale per Vettel che dechappa uno pneumatico all’ultimo giro con conseguente perdita del podio, meritato dopo una gara in rimonta e con l’ azzardata strategia di due soste, che purtroppo non ha pagato, il tedesco ha recuperato comunque la debacle del nono posto in qualifica. Questo il verdetto emesso da un gran premio “ abbastanza” movimentato sulla pista più bella e tecnica del mondiale: Spa Francorchamps.

Buona anche la prova di Raikkonen, il finlandese fresco e speriamo motivato dal rinnovo del contratto, sfortunato in prova con la rottura del motore, è stato per certi versi autore di una prestazione all’altezza, una gara in rimonta anche per lui con un più che onorevole settimo posto finale.

Purtroppo la pausa estiva pare non aver giovato alla Ferrari, che avevamo lasciato con la splendida vittoria di Budapest, Spa e la prossima di Monza sappiamo non essere gare nelle quali la “ Rossa” può puntare al colpaccio, ci si aspettava comunque qualcosa di buono, perlomeno nell’annoso problema delle qualifiche, invece sappiamo come è andata ieri. Non resta che augurarsi di pescare il “jolly” per il gran premio di casa, bisognoso anch’esso di una Ferrari combattiva per rilanciare la permanenza nel mondiale attualmente a rischio. Era la prima gara senza la partenza “ assistita”, e ci si chiedeva cosa sarebbe accaduto, tutto sommato niente a parte Rosberg che sbagliando l’avvio ha rischiato grosso, salvato solo dall’avere fra le mani quel panzer vestito da missile che si chiama Mercedes. Bella gara nelle altre posizioni della top ten con una ritrovata Lotus che piazza Grosjean sul podio, partenza arrembante di Perez inizialmente secondo con la Force India, che a Spa è sempre stata fra le protagoniste, il messicano chiude poi quinto.

Bella la gara del russo di “Roma” Kvyat quarto, a dimostrazione che il secondo posto in Ungheria non è stato un caso. In rilancio anche il “baby” Verstappen l’ olandese chiude ottavo con la Toro Rosso. Deludente la Williams non tanto per Massa che chiude con un discreto sesto posto, quanto per il pasticcio tipico del team inglese, nel cambio gomme di Bottas al quale montano uno pneumatico differente dagli altri tre!. Ancora da dimenticare la gara della McLaren-Honda, con Alonso tredicesimo che non riesce nemmeno a scavalcare Vettel, che come detto ha compiuto quasi due giri senza una gomma.

Fra quindici giorni si va a Monza, il gran premio d’Italia è nella black liste di Ecclestone, speriamo che qualcuno anche a livello politico si muova per non perdere anche questa “eccellenza”, perché Monza il “ tempio della velocità” è un patrimonio da difendere.

Ordine d’arrivo G.P. di Spa-Francorchamps:

  1. Hamilton – Mercedes

  2. Rosberg – Mercedes

  3. Grosjean – Ltus

  4. Kvyat- Red Bull

  5. Perez – Force-India

  6. Massa – Williams

  7. Raikkonen – Ferrari

  8. Verstappen – Toro Rosso

  9. Bottas – Williams

  10. Ericsson – Sauber

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>