Renzi, Ricciatti (SEL): “Difficile parlare di bellezza”. Trivelle Zero: “La solita passerella scollegata dalla realtà”

di 

25 agosto 2015

PESARO – “Da cittadina di questa provincia avrei preferito che la visita di Renzi fosse stata l’occasione per un confronto sugli effetti di alcuni provvedimenti del suo Governo sul nostro territorio, piuttosto che la vetrina per qualche riconoscimento formale”.

Lo afferma l’onorevole Lara Ricciatti (Sel), in merito alla visita del presidente del Consiglio Matteo Renzi di oggi a Pesaro. “Renzi continua ad annunciare riforme per cambiare in meglio l’Italia, ma in questi due anni abbiamo visto spesso una realtà diversa, fatta di provvedimenti che riducono diritti, servizi e risorse essenziali per i cittadini, sopratutto ai livelli periferici dello Stato. Trovo francamente poco comprensibile l’entusiasmo di qualche amministratore locale per questa visita – continua la deputata di Sel -, quando molti loro concittadini, fuori da quel teatro, subiscono tagli alla sanità e agli uffici postali, continuano ad aver grandi difficoltà nel trovare e mantenere un lavoro, o sono costretti a protestare per evitare che la loro salute e il paesaggio dove vivono siano venduti al miglior offerente”.

“Sarebbe stato interessante – conclude Ricciatti – inserire nel tour di Renzi una breve passeggiata sul litorale pesarese, per capire se nella sua idea di Italia “portatore sano di bellezza” è compresa qualche trivella a far da sfondo. Perché, per ora, l’unico regalo portato in dote dal presidente del Consiglio al nostro territorio è questo scenario”.

NO TRIVELLE NO RUSPE

Oggi a Pesaro il comitato Trivelle Zero ha contestato Matteo Renzi. “Si è dimostrato quello che pensavamo: la solita passerella blindata scollegata dalla realtà e dai temi sociali – scrivono i membri del Comitato Trivelle Zero Pesaro – Sapevamo già che non sarebbe stato toccato il tema Sblocca Italia e che nessuna informazione sarebbe stata data ai cittadini. A questo punto il sindaco Matteo Ricci deve assumersi la responsabilità e il coraggio di raccontare la verità e mettere al corrente la popolazione su un tema così importante come quelle delle trivellazioni. Il comitato Trivelle Zero si oppone fortemente a chi da sempre specula sulle nostre vite e territori e alle forze politiche razziste e fasciste che tutti i giorni, e anche oggi in piazza, alimentano odio con la loro violenta propaganda. Queste passerelle non ingannano più nessuno: dopo Pesaro, il premier Renzi ha dovuto rinunciare alla sua visita a L’Aquila per le forti contestazioni dei comitati contro le trivellazioni. Nonostante le dichiarazioni di facciata del presidente della regione Marche Luca Ceriscioli che ha dichiarato di essere in prima fila contro le trivellazioni in Adriatico, il 15 luglio la Regione Marche ha rilasciato parere favorevole alla piattaforma Bianca\Luisella che dovrebbe perforare ben 8 nuovi pozzi per estrarre metano per un decennio di fronte a Pesaro e Cattolica, a una distanza di 24,5 km dalla costa. Rilanciamo l’appuntamento all’11 settembre per l’assemblea regionale della rete Trivelle Zero a Senigallia. Restiamo vigili e determinati, noi sì, un bel po'”. Firmato Comitato Trivelle Zero Pesaro.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>