Vuelle a Borgo Pace, coach Paolini entusiasta: “Accoglienza fantastica, squadra carica a mille”. Basile capitano

di 

26 agosto 2015

Vuelle 2015-2016 a Borgo Pace

Vuelle 2015-2016 a Borgo Pace

BORGO PACE – Ormai giunti a metà ritiro, coach Paolini racconta questi pochi giorni, passati tra allenamenti, camminate e bagni al fiume, rigorosamente senza televisione, tra Borgo Pace e Lamoli, un paesino di 150 persone.

“Siamo all’inizio, sono passati solo 3 giorni ma sembra sia passato molto più tempo. A livello umano questa settimana è e sarà molto importante. Stare 24 ore al giorno insieme era un obiettivo della società, ed è una cosa opportuna in vista della stagione”, ha commentato Riccardo Paolini.

Rispetto ai progressi della squadra il coach è molto soddisfatto: “Ho notato una grandissima disponibilità al lavoro, sia per gli italiani che per gli americani. E già si vedono i primi segnali di unione e coesione di gruppo. Gli americani cominciano a capire le regole del nostro campionato e ci siamo fatti un’idea di quanto possa essere diverso questo mondo per loro”.

Poi ha ribadito la sua passione per una squadra alta: “Penso che il basket sia razzista: chi è alto ne guadagna. Basta pensare che l’anno scorso la partita decisiva è stata risolta da Ross che aveva un vantaggio fisico”.

Parlando dei singoli, il coach è rimasto sorpreso da tutti, soprattutto da Semaj: “Christon mi ha impressionato prima di tutto come persona, per la sua disponibilità e la sua voglia di lavorare. Tecnicamente e atleticamente è superiore, e ha anche una grande potenzialità al tiro, ma nessuno è arrivato a Pesaro con l’intenzione di fare la star e questo è molto positivo”.

E poi ancora: “Sono stato molto contento della costruzione del roster. La società è stata brava a scegliere persone dalle qualità umane eccelse, oltre che di talento”.

Domenica ci sarà la prima amichevole, a Montecchio: “Stiamo lavorando su un pressing game offensivo, ma questo tipo di gioco richiede conoscenza e quindi prevedo un po’ di confusione. Poi allenerò letteralmente con il cronometro in mano per non sovraccaricare. Per il campionato però abbiamo un roster che ci permette di cambiare faccia durante la partita, la duttilità è una caratteristica tipica di molti giocatori quest’anno”, ha spiegato  Paolini.

Infine, ci teneva a ringraziare tutti coloro che hanno reso questo training camp un’esperienza molto positiva: “L’accoglienza di Borgo Pace è stata memorabile. Posto meraviglioso, struttura eccezionale e disponibilità da parte di tutti a darci il massimo, dal ristorante alle strutture sportive. Voglio ringraziare in modo particolare il sindaco Romina Pierantoni e Claudio Valentini, il proprietario dell’Oasi San Benedetto che ci ha ospitato e coccolato tutta la settimana”.

La nuova Consultinvest a Borgo Pace

La nuova Consultinvest a Borgo Pace

L’allenamento di oggi, seguito da molti dei consorziati accorsi a Borgo Pace, è eccezionalmente iniziato con il discorso del presidente Ario Costa, che insieme al presidente del consorzio CPB Luciano Amadori ed al vicepresidente Acide Resta ha portato i saluti della società soprattutto ai nuovi arrivati. Nel corso dell’intervento ha ribadito che la stagione sarà lunga e che si aspetta da tutti il 100% dell’impegno. Ha infine comunicato al gruppo che Niccolò Basile sarà il capitano per la prossima stagione.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>