50° TROFEO LUIGI FAGIOLI, A GUBBIO VINCE SIMONE FAGGIOLI IN UNA GARA SPETTACOLARE

di 

27 agosto 2015

Simone Faggioli, domina la 50esima edizione della Gubbio- Madonna della Cima- Trofeo Luigi Fagioli, iscrivendo per l’undicesima volta il proprio nome nell’albo d’oro della prestigiosa gara valida come prima finale del Campionato Italiano Velocità in Salita,( C.I.V.M.). Il pilota toscano pluricampione italiano ed europeo, con la sua Norma-Zytek 3.000cc. ha regolato dopo una battaglia sul filo dei centesimi, il suo avversario di sempre,il trentino Christian Merli con la sua Osella-RPE ufficiale. La lotta fra i due campioni ha entusiasmato il numeroso pubblico che nei due giorni di gara ha affollato il paddock della gara ambientata nella suggestiva e storica cittadina medievale. Faggioli dopo questa vittoria si candida per la conquista dell’undicesimo scudetto tricolore,mantenendo anche la testa dell’europeo,dove è ormai certo il sesto alloro, un vero e proprio “cannibale” delle cronoscalate, la più antica specialità delle corse. Sul gradino più basso del podio il giovane cosentino figlio e nipote d’arte, Domenico Scola jr., che rafforza la sua posizione di leader nella under 25, visto il forfait all’ultimo momento dell’orvietano Michele Fattorini ottimo terzo in prova,costretto a saltare la gara per motivi familiari. Bene anche i piloti della nostra provincia che nella gara di “casa” sfoderano sempre prestazioni di rilievo: il pergolese Ferdinando Cimarelli con la sua Alfa Romeo 156 2.000cc. ha ottenuto un secondo posto di classe e il terzo del Gruppo E1 Italia, che lo mantengono in lotta per il campionato, sempre per i colori della Scuderia Catria si è distinto Maurizio Contardi con la sua Honda Civic 1.600, quinto di classe, se gareggiasse con più frequenza Contardi potrebbe ambire a posizioni più prestigiose. Sempre da Pergola, vera e propria patria di “scalatori”, da segnalare la buona prestazione di Marco Sbrollini, nonostante alcuni problemi alla sua “mostruosa” Delta Proto da oltre 500cv, una delle più ammirate dal pubblico, il forte pilota pergolese ha ottenuto la vittoria della sua classe ed il quarto posto di gruppo E1 Italia. Sbrollini rimane comunque in corsa per il titolo del Trofeo Italiano Velocità Montagna (T.I.V.M.),di cui la gara eugubina ha validità. Brillante terzo posto nella classe 1.600 di Gruppo N, per il “fornaio volante” di Fossombrone Gabriele Giardini, che piazza la sua Citren Saxo a pochi decimi dal gradino più alto, anche per lui “giovane veterano” delle salite vale il discorso che se gli impegni di lavoro lo permettessero potrebbe ambire senz’altro a traguardi importanti.

Spettacolo nello spettacolo la parata di Ferrari che hanno fatto da apripista il sabato e la domenica, fra le quali erano presenti alcuni soci e amici della Scuderia Ferrari Club Pesaro.

LE FOTO DI ALDO IACUCCI

Questo slideshow richiede JavaScript.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>