Santa Marta, doppi turni per gli studenti e inizio posticipato al primo ottobre. Tagliolini: “Altre strade non praticabili”

di 

27 agosto 2015

PESARO – Una soluzione inevitabile, quella dei doppi turni per l’istituto scolastico ‘Santa Marta’. L’ha ufficializzata il presidente della Provincia Daniele Tagliolini nell’incontro svoltosi oggi pomeriggio in Provincia, a cui hanno partecipato l’assessore alla Crescita del Comune di Pesaro Carla Ceccarelli, la dirigente dell’Ufficio scolastico provinciale Marcella Tinazzi, il dirigente scolastico del “Santa Marta Branca” Carlo Nicolini, una delegazione di docenti e genitori, oltre al direttore generale della Provincia Marco Domenicucci, al consigliere provinciale con delega all’edilizia scolastica Davide Dellonti, all’ingegnere Luigi Massarini e al geometra Fabio Bertulli che hanno fornito dettagli tecnici sugli interventi da fare nell’edificio.

Come noto – ha detto Daniele Tagliolini – le 6 classi del Branca saranno spostate a Pesaro Studi. Per le 18 classi del Santa Marta sono state vagliate tutte le ipotesi di utilizzo di strutture pubbliche, private e religiose, anche la Regione, il Comune di Pesaro e l’Ufficio scolastico provinciale hanno fatto ogni tentativo ma ad oggi nessuna soluzione si è rivelata praticabile. Per questo siamo costretti a prevedere doppi turni, una soluzione limitata nel tempo, al massimo fino a dicembre, anche se non smetteremo di cercare alternative e questo mese ci servirà per verificare ulteriori possibilità per evitarli”. Entro il primo ottobre, come evidenziato dai tecnici della Provincia, verranno effettuati i lavori per mettere in sicurezza i controsoffitti del piano terra e primo piano (così da consentire l’inizio dell’anno scolastico), poi si comincerà a lavorare sul secondo piano. “Stiamo facendo tutti gli sforzi umani, progettuali ed economici per ridare ai ragazzi nel più breve tempo possibile la stessa struttura, migliore dal punto di vista della sicurezza”, ha aggiunto Tagliolini. Da parte sua, la dirigente dell’Ufficio scolastico provinciale Marcella Tinazzi, che farà una delibera di posticipo dell’inizio anno scolastico al primo ottobre per gli studenti del “Santa Marta” ha sottolineato come “il doppio turno è un’emergenza educativa che si spera venga risolta al più presto”, confermando al tempo stesso la difficoltà di trovare strutture sufficientemente grandi ed in condizioni adeguate per ospitare 18 classi. Il direttore generale Marco Domenicucci ha chiesto all’Istituto Santa Marta l’elenco degli studenti che arriveranno da fuori Pesaro, per procedere ad un incontro congiunto con il direttore di Adriabus, resosi disponibile a trovare le soluzioni più idonee per il trasporto scolastico. Verranno anche verificate le migliori condizioni di accesso alle aule per i circa 40 studenti disabili del Santa Marta.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>