“La stazione è una pessima cartolina della città”. L’affondo del consigliere Anna Maria Renzoni

di 

1 settembre 2015

PESARO – Si rinnova il “focus” sullo stato di degrado della stazione ferroviaria di Pesaro. Questa volta è il consigliere comunale dei gruppi di minoranza Anna Maria Bezziccheri Renzoni (Forza Italia) ad intervenire con un comunicato che riceviamo e pubblichiamo:

“La reazione, infastidita e piccata, dell’assessore alla sicurezza del Comune di Pesaro, innanzi le legittime preoccupazioni espresse da alcuni consiglieri,sulla condizione e lo stato della stazione ferroviaria,dimostrano la sufficienza e l’incapacità del comprendere la città,da parte dello stesso assessore.  (leggi qui articolo precedente)

Degrado alla stazione ferroviaria

Degrado alla stazione ferroviaria (FOTO – DANILO BILLI)

La stazione ferroviaria – continua la Renzoni  – rappresenta, per i molti che ci arrivano,per la prima o tante volte,la vetrina della città. La prima percezione di un luogo. Ebbene, la nostra stazione non presenta e rappresenta,una bella immagine per la città. Il problema sicurezza, in stazione, è il primo sentito dai viaggiatori. Alla sicurezza, si accompagna poi la necessità del decoro dello spazio che si vive. Ora, lasciamo anche perdere la dismissione del bancomat,che meriterebbe una piccola ricerca per comprenderne il perché che non solo i  consiglieri si pongono. Piuttosto il presidio notturno della Polfer e’ fondamentale. In passato, quando esisteva, era un naturale deterrente contro microcriminalità e il suo abbandono risultò incomprensibile, così come lo e’ stato per il presidio di Polizia in ospedale.

Anna Maria Renzoni

Anna Maria Renzoni

Operare perche’ venga ripristinato dovrebbe essere il naturale compito per un assessore che ha, nei suoi compiti, la sicurezza. Non si puo’ delegare aspettando che scenda dal cielo. Bisogna chiedere, aprire una vertenza affinche’ il Ministero dell’Interno decida per il potenziamento e possa garantire anche la presenza notturna,oltre quella diurna. Questo il compito del Sindaco e della sua giunta. Altro, la questione sociale del disagio che porta in tanti a pernottare in stazione, nei corridoi e negli androni. Di chi il compito dell’intervento? Ancora delegare ad altri o assumere il problema per risolverlo? Se una città come Pesaro,deve abituarsi ad uomini e donne anziane, che dormono e si lavano in stazione, Pesaro sta scivolando veramente in basso. La città ha la forza, sociale e morale,per evitare queste vergogne, così come ha la forza di garantire la sicurezza. E’ ora di fare, senza nascondersi nell’arroganza del potere”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>