Il Santa Monica scalda i motori per lo spettacolo della MotoGp. Presentati “Misano Classic Weekend” (9-11 ottobre) e “Sic Day 2015″ (5-6 dicembre)

di 

11 settembre 2015

MISANO ADRIATICO (Rimini) – I principali contendenti al titolo e alcuni eroi locali sono saliti sul palco per la conferenza stampa ufficiale che segna l’inizio del Gran Premio di San Marino TIM e della Riviera di Rimini.

Compagni di squadra Movistar Yamaha e rivali per il titolo, Valentino Rossi e Jorge Lorenzo sono stati raggiunti da Marc Marquez (Repsol Honda), Andrea Dovizioso (Ducati Team), Danilo Petrucci (Octo Pramac Racing) e Alex De Angelis (E-Motion IodaRacing Team) per la conferenza stampa che ha dato il la al Gran Premio di San Marino di TIM e della Riviera di Rimini, 13esima prova della MotoGP del campionato del mondo.

Rossi arriva al suo Gran Premio da leader, davanti a Lorenzo di 12 punti dopo la sua quarta vittoria della stagione a Silverstone. L’italiano è nato a soli 10 chilometri da Misano, a Tavullia, e sta cercando di bissare il successo nel Gran Premio di casa dopo l’uscita vittoriosa nella gara di 2014: “E ‘un posto speciale. Sembra quest’anno anche di più, mi aspetto un sacco di gente. Arrivo in un ottimo momento. Sarà un weekend difficile, più del solito soprattutto fuori pista. Cercherò di gestire la situazione e rimanere concentrato. La cosa importante è un buon lavoro in pista, è una pista che mi piace e di solito la nostra moto è molto forte”.

In tutte le classi Lorenzo non ha mai finito peggio di secondo a Misano in otto tentativi. Lo scorso anno il pilota spagnolo ha dovuto accontentarsi del secondo dietro a Rossi, e oggi non si fa illusioni visto che sarà dura battere il “Dottore” nel cortile di casa sua: “E’ una situazione incredibile e una buona occasione per una gara speciale, principalmente a causa della situazione del campionato. Ma siamo anche qui in Italia, la seconda casa di Yamaha, e dobbiamo riuscire a ottenere il miglior risultato”.

Marquez, dietro a Rossi di 77 punti, è ancora matematicamente in corsa per il campionato del mondo, anche se servirebbe un piccolo miracolo. Misano è uno dei soli tre circuiti in calendario dove Marquez non ha vinto nella classe regina: “Dopo Silverstone, le possibilità per il campionato non sono del tutto svanite, ma è davvero difficile. Ci abbiamo provato e il feeling con la moto non era il migliore, ma era il momento di prendere qualche rischio per cercare di vincere il campionato, non è stato possibile. Abbiamo fatto una grande gara e la cosa più importante è che siamo stati veloci in condizioni di asciutto, e sembra che sarà asciutto anche questo fine settimana. Abbiamo fatto un test qui durante l’estate che è stato davvero buono. Abbiamo bisogno di regolare la messa a punto, ma iniziamo con una buona base”.

Silverstone ha visto Dovizioso tornare sul podio per la prima volta da Le Mans. L’italiano si sente fiducioso dopo due recenti test privati ​​con la sua squadra a Misano. Dovizioso non è mai salito sul podio in pista prima, anche se ha tagliato il traguardo quarto in quattro distinte occasioni: “Sì, questo anno per fare il podio è molto difficile. I quattro sulle moto ufficiali sono veramente forti. Stanno lottando per il campionato. Sarà difficile, ma non impossibile: se saremo vicini a loro, tutto può succedere durante la gara”.

Petrucci ha conquistato il suo primo podio in MotoGP al GP di Gran Gran Bretagna dopo un giro sensazionale che lo ha visto attraversare la linea secondo dopo essere partito dalla 18esima posizione in griglia. Petrucci è nato a Terni, ma ora vive a pochi chilometri dal circuito e considera questa la sua vera gara di casa: “Sono felice del mio primo podio, ma ora voglio fare una buona gara asciutta. Ora è quasi impossibile ottenere un podio secco, o anche arrivare tra i primi cinque. Non voglio sentire un’altra volta quando una gara bagnata accade ‘Oh Petrucci sarà veloce'; magari in una giornata di sole che voglio sentire ‘Petrucci è veloce’. Questo è il mio prossimo obiettivo”.

Alex De Angelis si unisce agli altri sul palco mentre si prepara anche lui per il Gran Premio di casa. Il samarinese ha solo due punti in classifica, ma spera di rifarsi per i suoi fan: “E’ sempre bello venire a Misano perché è la mia casa. E ‘anche il luogo dove ho ottenuto il primo podio della mia carriera nel 1998. E’ molto importante, sono motivato a spingere”.

Questo slideshow richiede JavaScript.

MISANO CLASSIC WEEKEND, LA PASSIONE E LE MOTO NON TRAMONTANO MAI!

La terza edizione di Misano Classic Weekend è in programma al “Marco Simoncelli” dal 9 all’11 ottobre 2015.

C’è attesa e anche fermento in vista di un appuntamento che, in pochissimo tempo, ha scalato la classifica delle manifestazioni più seguite a livello internazionale dagli amanti delle due ruote storiche. Lo scorso anno 7.000 appassionati raggiunsero l’impianto romagnolo, scenario impareggiabile nel quale valorizzare e riportare al ruolo di protagoniste le moto che hanno fatto la storia del motociclismo italiano e non solo e che, nonostante l’età, rimangono ancora delle vere e corteggiate signore.

Non solo mostre ma anche competizioni in pista iscritte a calendario FIM EUROPE (lo scorso anno 400 piloti iscritti e 22 equipaggi nella gara di Endurance).

Tanti gli ingredienti che attireranno l’attenzione sul Misano Classic Weekend. Dopo la mostra dello scorso anno, dedicata a Massimo Tamburini e alle moto pensate e realizzate dal grande progettista riminese, quest’anno sono di scena i piloti dell’Emilia-Romagna. Esposizione di moto usate dai piloti della “Terra dei Campioni”, invitati illustri, un talk show per capire e conoscere il fenomeno che lega indissolubilmente una regione alla moto e ai piloti.

In questa occasione sarà inaugurato un ‘Wall of fame’ – muro dei campioni – un’istallazione in divenire nella quale verranno scritti i nomi dei piloti emiliano-romagnoli. Un’operazione che andrà avanti nel tempo e non si fermerà al Classic Weekend, perché l’opera di censimento dei piloti della terra dei campioni è un’impresa che impegnerà tutti (appassionati, storici e piloti stessi) per anni.

Una sfida interessante e un grande momento per ricordare, capire e progettare un movimento che, per numeri e qualità, può davvero definirsi popolare.

Sabato 10 ottobre, prenderà il via la gara clou, quella dell’Endurance, con partenza al calar del sole e arrivo dopo quattro ore. Tutte le gare, i Gruppi 4 e 5, con le nuove categorie riservate alle SBK 1992 e SS 600, le GP 125 e 250, le Japan 2T, le TT 500 e 750 e altre categorie, saranno dirette e organizzate anche quest’anno dalla Federazione Motociclistica Italiana.

Informazioni su iscrizioni, orari e iniziative collaterali sul sito dell’autodromo (www.misanocircuit.com). Ovviamente la ricettività alberghiera e la ristorazione sarà come sempre ai massimi livelli e per tutte le tasche.

Il paddock 2015 vedrà anche la presenza di una collezione presentata dal Cagiva Elefant Club Italia che metterà in mostra alcuni dei più particolari esempi del modello che da poco ha celebrato i suoi 30 anni di produzione.

Si è pensato, nella nuova edizione, di dare spazio anche a un mondo “nuovo” per il circuito ma che senza dubbio catturerà il pubblico di appassionati. Il Vespa Club Bellaria Igea Marina organizzerà infatti il 1° Misano Circuit Vespa & Lambretta Meeting.

Partner storico dell’evento Ducati Motor Holding che, anche quest’anno, metterà in mostra alcuni pezzi unici della sua collezione. Fra i partner del circuito e del Misano Classic fondamentali sono le collaborazioni con Peugeot, fornitrice delle official race car, Dainese che dal 2015 è partner del Misano World Circuit, unitamente a Liomatic .

Media partner dell’evento sarà ancora una volta la rivista Motociclismo d’Epoca. Le premiazioni delle gare saranno a cura Birra Flea.

Misano Classic Weekend, oltre ad aggiungere un evento d’interesse internazionale al calendario turistico di fine stagione estiva, è anche un importante ingrediente che completa il ventaglio delle offerte che APT Regione Emilia Romagna propone nel progetto Motor Valley, il distretto che in regione accomuna industria, passione e campioni, fino a determinare una cultura di forte appeal nel mondo.

Questo slideshow richiede JavaScript.

SIC DAY 2015

Da Latina a Misano. Per la prima volta la manifestazione in ricordo di Marco Simoncelli lascerà la sede storica per raggiungere il circuito intitolato al campione di Coriano, dove andrà in scena la quarta edizione del SIC DAY, sabato 5 e domenica 6 dicembre. Oltre al cambiamento di sede, l’organizzatore Federico Capogna annuncia anche diverse novità.

Sic Day 2015: Capogna, Albani, Simoncelli, Copioli, Perna

Sic Day 2015: Capogna, Albani, Simoncelli, Copioli, Perna

“Oltre alla sede abbiamo deciso di cambiare disciplina, da Supermoto a Flat Track per facilitare il reperimento di moto per i top riders. La scelta di Misano World Circuit deriva dalla volontà di approdare nell’impianto intitolato a Marco Simoncelli, ma anche dove SIC si è innamorato della velocità, dove è cresciuto e a due passi da dove viveva. Non è una scelta definitiva, ma è affascinante poter correre a Misano.Il programma prevede manche di qualifica a ripetizione con mega finale la domenica, in pista scenderanno top riders e proveremo a riproporre la sfida dello scorso anno, MOTOGP vs SBK, ma come di consueto al SIC DAY riserveremo molta attenzione al pubblico, che sarà sempre più a stretto contatto con i piloti. In questo ci è di conforto l’appoggio di Paolo Simoncelli”.

Oltre ai piloti SBK e MotoGP, ci saranno campioni della Moto2, della Moto3, 8 piloti Supermoto, un paio di piloti Motocross e della specialità Flat Track. Allo studio l’inserimento di una sfida fra vecchie glorie.

Andrea Dovizioso sarà protagonista anche al SIC DAY 2015, organizzato da Federico Capogna, Bprom Sport, la famiglia Montani e la Fondazione Marco Simoncelli

“Sono veramente contento che quest’anno si correrà in una terra di grandi passioni motoristiche. La scelta invece, di correre con moto Flat Track la ritengo molto importante poiché molti piloti, soprattutto velocisti, lo praticano per allenarsi. Infine, la data di effettuazione è perfetta poiché, cadendo nel periodo di fine autunno, seppur con una giornata di pioggia non rovinerebbe l’evento essendo questa una specialità che si pratica tranquillamente con ogni condizione climatica e sono sicuro che saranno belle sfide. Anche se è una gara benefica, hai sempre voglia di misurarti e far vedere che sei nel pieno della forma, quindi vuoi vincere, ma è anche quello che tutti si aspettano da te. Il Flat Track è un allenamento che abbiamo inserito anche noi piloti Ducati, soprattutto d’inverno. E ancora più interessante sarà poterlo praticare con piloti con i quali non ci alleniamo mai, è sempre un confronto dove si sviluppa una buona sensibilità alla guida. Tutti insieme ci divertiremo di più e aiuteremo la Fondazione Marco Simoncelli”.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>