Alla Data c’è il primo Expo dell’Unione Montana. L’alta valle del Metauro si mette in vetrina in tutte le sue declinazioni

di 

17 settembre 2015

URBINO- Saranno i locali della Data di Urbino ad ospitare il primo Expo dei comuni dell’Unione Montana dal titolo Urbino e l’Alta Valle del Metauro in Expo – Un Unione di sapori, storia e poesia”. Per cinque giorni da sabato 19 settembre a mercoledì 23 il meglio del territorio sarà in mostra per promuovere e valorizzare la vallata in ogni sua declinazione. Cinque giornate ricche di eventi che uniscono ancora di più il territorio e che trasformeranno la Data in uno scrigno pieno dei gioielli dell’Unione Montana dell’Alta Valle del Metauro. I comuni hanno operato in sinergia per la progettazione e la realizzazione dell’evento, affiancandosi al presidente dell’Unione Romina Pierantoni: gli assessori Francesca Crespini, Alice Lombardelli, Delfina Betonica, Romina Rossi e Luca Bernardini hanno pensato e creato un evento che sarà un’ottima opportunità per mettersi in mostra.

Romina Pierantoni

Romina Pierantoni

“Quella di quest’anno sarà un’ “edizione zero” – spiega il presidente Romina Pierantoni – un laboratorio per riuscire insieme a valorizzare i nostri territori in modo unitario, in futuro vorremmo riproporlo assieme a tutte le realtà dell’entroterra. Annuncio qui che l’Unione Montana costituirà un gruppo stabile per il Turismo, guidato da Francesca Crespini. Riuscire a proporre un calendario dove si racchiude il meglio dei sette comuni è un successo e questo modo di lavorare insieme, con l’aiuto delle Proloco, va senz’altro riproposto: l’Unione fa la forza”. Un percorso che la Pierantoni descrive partendo “da Urbino, la città ideale culla del Rinascimento riconosciuta come patrimonio UNESCO, ci si affaccia sull’Alta Valle da cui nasce il Metauro, definito dall’Ode di Torquato Tasso come fiume ricco di gloria più che di acque. Borgo Pace, Mercatello sul Metauro, Sant’Angelo in Vado, Peglio, Urbania e Fermignano rappresentano con Urbino un territorio straordinario: un’Unione Montana di Sapori, storia e poesia. Come non metterli in Expo? E’ quello che vogliamo realizzare in queste giornate organizzate alla Data, un punto di partenza di un percorso comune in cui la presentazione delle Nostre eccellenze paesaggistiche, artistiche ed enogastronomiche ci porta a lavorare insieme per la promozione del Nostro Territorio nella convinzione che oggi più che mai è l’Unione che fa la forza!”

Il 19 settembre alle ore 17 presso la Sala del Maniscalco ad Urbino nell’ambito dell’iniziativa “Urbino e l’Alta valle del Metauro in EXPO – un’Unione di Sapori, Storia e Poesia”, non si parlerà solo di cibo: si parlerà anche di paesaggi, economia e cultura e società con la presentazione del saggio “Paesaggi creativi” (Ed. Italic) di Monica Bocci. La presentazione sarà preceduta da un incontro dei sindaci facenti parte dell’Unione Montana, dal tema: I Sindaci raccontano l’Alta Valle del Metauro “Un unione di sapori, storia e poesia”.

“Paesaggi creativi” vuole offrire lo stimolo per riflettere su alcune questioni. L’autrice si interroga innanzitutto se la pianificazione territoriale possa avere ancora un ruolo centrale e se e come i nostri paesaggi e il nostro patrimonio culturale possano essere valorizzati al meglio. Ma la questione centrale è se la cultura può diventare realmente una nuova forma di economia, sia in Italia che nelle Marche. Se in questi nostri paesaggi marchigiani unici sia possibile coniugare cultura, agricoltura, patrimonio enogastronomico, patrimonio storico e architettonico per creare una nuova forma di economia. In questo momento di drammatica crisi, tentare uno sforzo per comprendere se e come i distretti produttivi manifatturieri possono – o, forse è meglio dire, debbono – cercare di sfruttare il talento e la creatività per attivare nuove forme di economia. L’autrice, dopo anni di esperienza, sia accademica che professionale, sui territori marchigiani, tenta di dare, o meglio, di darsi, una risposta. Non è detto che ci riesca, ma è possibile che le sue “pensate confuse” come ama definirle lei stessa, citando lo scrittore e poeta Franco Arminio, possano essere un utile contributo al dibattito su questi temi.

Il Cortile del Gusto domenica 20 porterà alla Data tantissimi produttori ed anche i visitatori, con ingresso gratuito, potranno assaggiare le prelibatezze della dieta mediterranea con gli ingredienti della provincia di Pesaro e Urbino.

Vittorio Sgarbi

Vittorio Sgarbi

Lunedì 21, mentre alla Data continueranno le dimostrazioni di stampa d’arte ed incisione con una mostra sul tessile del Quattrocento a cura di ARS Urbino Ducale, alle ore 18 alla Sala del Maniscalco Vittorio Sgarbi, assessore alla rivoluzione, terrà un incontro su “Bramante e gli uomini illustri di Urbino e dell’Alta Valle del Metauro”. Alla Data intanto Raffaele De Feo porterà in tavola una cena rinascimentale che avrà il suo apice nella Zuppa di Michelangelo.

Martedì 22 spazio al laboratorio del vetro dalle ore 16 in poi e alla magia delle fiabe del territorio con l’angolo di lettura con le bibliotecarie del Sistema.

Gran finale il 23 settembre con “La cucina tradizionale delle nostre terra abbraccia il dialetto”: una degustazione di piatti tipici del territorio e divertente monologo con Claudio Cappellacci della Compagnia dialettale Urbinate.

 

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>