Mercato Vis: ciao De Iulis. Se ne va anche Rosati

di 

17 settembre 2015

Andrea De Iulis (a destra) nella sua ultima partita in maglia Vis. Quella persa mercoledì al Benelli con la Recanatese

Andrea De Iulis (a destra) nella sua ultima partita in maglia Vis. Quella persa mercoledì al Benelli con la Recanatese

PESARO – “La Vis Pesaro comunica che, mantenendo un impegno preso al momento del tesseramento lo scorso anno con i giocatori di liberarli gratuitamente in caso di minor utilizzo, di aver restituito al Fossombrone Fabio Rosati ed  Andrea De Iulis a favore della ASD Serpentara Bellegraolevan, concedendo, così, al ragazzo la possibilità di avvicinarsi a casa. Ad entrambi i calciatori un affettuoso “in bocca al lupo” per il proseguio della loro attività ed un ringraziamento per quanto hanno fatto per i nostri colori”.

Recita così il comunicato pubblicato sul sito della Vis Pesaro che pone fine alla “telenovela” De Iulis. Una delle più controverse dell’estate biancorossa. L’attaccante aveva infatti cominciato il precampionato non presentandosi al ritiro per una mal celata voglia di cambiare aria, di digerire a fatica l’Eccellenza e di voler riavvicinarsi alla sua Roma. La cosa, a fine luglio, fece scalpore. Poi, il ritorno a Pesaro con tre giorni di ritardo, le scuse alla società e la multa pagata di buon grado. Dopodiché il ripescaggio in D ha messo in discussione l’impiego con continuità del 22enne romano e il rapporto, dall’inizio di settembre, ha di nuovo preso tutt’altra piega. Quella con la Recanatese era sembrata una sorta di ultima chiamata, è finita per essere il commiato con un giocatore che con Pesaro ha comunque avuto un rapporto tutt’altro che ordinario. De Iulis se ne va dopo 29 partite in maglia Vis e 8 gol segnati con l’apice – nella scorsa primavera – di 4 partite consecutivamente a segno che avevano contribuito a coltivare speranze di salvezza, poi risultate effimere. De Iulis mantiene comunque la serie D trovando casa al Serpentara, neopromossa nella quarta serie laziale.

Fabio Rosati (a sinistra) con Francesco Tombari nella sua presentazione alla Vis Pesaro di un'estate fa

Fabio Rosati (a sinistra) con Francesco Tombari nella sua presentazione alla Vis Pesaro di un’estate fa

Se ne va anche Fabio Rosati, diligente terzino del ’96, suo malgrado divenuto oggetto misterioso sempre ai margini delle scelte degli allenatori vissini succedutisi. Appena 5 presenze lo scorso campionato, appena una da titolare: la più drammatica. Quella del 3 maggio che sancì la retrocessione in casa contro il Termoli.

Oggi si chiude il mercato dilettantistico per liberare o ingaggiare giocatori vincolati. Per gli svincolati le possibilità restano comunque aperte oltre la data odierna.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>