SLA, un contributo versato con gusto: gazebo in via Branca

di 

17 settembre 2015

Logo Aisla onlusPESARO – Sabato 19 settembre, il gazebo di AISLA, l’Associazione Italiana Sclerosi Laterale Amiotrofica, sarà presente in via Branca, di fronte al Portale San Domenico, in occasione della VIII Giornata Nazionale sulla SLA per raccogliere fondi da destinare all’assistenza dei malati.

A un anno dal successo dell’Ice Bucket Challenge che ha permesso di raccogliere 2,4 milioni di euro nel 2014, la SLA torna in primo piano. Sabato 19 settembre, infatti, in occasione della VIII Giornata Nazionale sulla SLA, i volontari della sezione locale di AISLA saranno in via Branca, di fronte al portale San Domenico, dalle 10 alle 19 (orario continuato), per far conoscere la Sclerosi Laterale Amiotrofica e raccogliere fondi per l’assistenza dei malati che in Italia sono oltre 6.000. L’iniziativa prende il nome di “Un contributo versato con gusto”: con un’offerta di 10 euro sarà infatti possibile ricevere una bottiglia di vino Barbera d’Asti DOCG oppure una confezione di taralli napoletani prodotti artigianalmente.

La Giornata Nazionale sulla SLA nasce per ricordare una data storica, il 18 settembre 2006, quando i malati di SLA scesero in piazza a Roma per chiedere al Ministero della Salute precise garanzie sul diritto alla cura e all’assistenza.

I fondi raccolti saranno utilizzati da AISLA, presente sul territorio italiano con 60 sezioni locali distribuite in 19 regioni, per finanziare il progetto “Operazione Sollievo” che nasce con il principale obiettivo di alleviare concretamente le sofferenze dei malati che si trovano a convivere ogni giorno con una malattia fortemente invalidante come la SLA. Il progetto prevede sostegno economico, supporto per la gestione del malato tra le mura domestiche e fornitura di strumenti utili a migliorare la qualità della vita.

AISLA Onlus nasce nel 1983 con l’obiettivo di diventare il soggetto nazionale di riferimento per la tutela, l’assistenza e la cura dei malati di SLA, favorendo l’informazione, la ricerca e la formazione sulla malattia e stimolando le strutture competenti a una presa in carico adeguata e qualificata dei malati. L’Associazione attualmente conta 60 rappresentanze territoriali in 19 regioni italiane e oltre 1.700 soci grazie al lavoro di oltre 200 volontari e di 8 collaboratori.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>