F1 Gp di Singapore: strepitosa pole di Vettel

di 

19 settembre 2015

 

Vettel a Singapore

Vettel a Singapore

MARINA BAY (Singapore) – La notte di Marina Bay si tinge di “Rosso” e spegne la “Stella” della Mercedes. Stupenda prestazione di Vettel, che riporta la Ferrari in pole position, con un altrettanto in palla Raikkonen ottimo terzo.

Un risultato che assume dei valori particolari, perché è la prima pole nell’era del motore ibrido non “targata” Mercedes, perché la Ferrari ritorna a dominare una qualifica dopo sessanta gran premi, ma soprattutto perché su un circuito dove è difficile superare, le Mercedes occupano la terza fila con distacchi rilevanti, Hamilton e Rosberg pagano quasi 1 secondo e mezzo, dimostrando anche difficoltà nel risolvere l’empasse di una prestazione deludente, conferma avuta dalle parole di un incredulo Toto Wolf.

Dicevamo di un Vettel perfetto sempre veloce in tutte e tre le manches di qualifica. Un circuito, quello di Marina Bay, dove ha vinto tre volte e dove ha promesso battaglia fin dalla prima conferenza stampa. Anche a Maranello sapevano da tempo che sotto i riflettori della notte di Singapore, si poteva provare a realizzare il “miracolo”, ovvero la terza vittoria, così definita ad inizio anno da Marchionne e Arrivabene. Le corse sappiamo possono sempre riservare sorprese, quindi soprattutto al sabato la calma è d’obbligo, anche perché con una Mercedes in difficoltà ecco risorgere la Red Bull con Ricciardo secondo, che ritorna a sfoderare il suo” tipico” sorriso ed un sempre più maturo Kvyat quarto. La vettura austriaca più che vicina all’ottenere il motore Ferrari , su questo circuito è da sempre protagonista, vedremo domani se i due “bibitari” useranno rispetto o meno per questo ormai certo “matrimonio”.

Scherzi a parte, certamente le due coppie daranno spettacolo, cercando di respingere il ritorno della Mercedes, che pur se in palese difficoltà ha l’obbligo di provare a reagire. Fra poche ore anche da noi sarà notte, una notte rossa,perché indipendentemente da come la si possa pensare la Ferrari è un vanto italiano, che per quanto criticabile e non sempre perfetto, va difeso e sostenuto.

Completano la top ten Bottas 7° e Massa 9° con le Williams, il baby Max Verstappen ottimo 8° con la Toro Rosso, chiude Grosjean decimo con la Lotus.

Da segnalare oltre alla buona prova di Alonso che porta la deludente McLaren-Honda al 12° posto, c’è stata diciamo la novità del debutto di Rossi con la Manor-Ferrari, tranquilli si tratta di Alexander, giovane pilota americano di chiara origine italiana, che senza volere e soprattutto in una posizione ben diversa (ultimo), ci permetterà comunque di sentire il “suono” di questo cognome vincente anche in questo fine settimana che il più celebre omonimo è a riposo. L’appuntamento è per domani con doppia diretta Rai e Sky alle 14.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>