Una targa per l’ex Convitto di Villa Marina e il Comune ragiona sulla ristrutturazione

di 

26 settembre 2015

Villa Marina quattroPESARO – L’appuntamento annuale è ormai abitudine ma questa volta, per i ‘ragazzi’ di Villa Marina, diventa più di un tuffo nel passato. C’è una targa da scoprire, come riconoscimento della valenza formativa del collegio, che dà al ritrovo degli ex convittori una dimensione ufficiale. Generazioni di figli di postelegrafonici – molti di loro ora classe dirigente – che spuntano ancora in viale Trieste. Ore di viaggio da Sicilia, Sardegna, Trentino, Piemonte per ricordare la fratellanza che fu: «Da piccoli le famiglie ci convogliarono qui – dice Romano Maffeo, classe ’39, regista dell’iniziativa –. C’era tristezza per il distacco da casa. Ma grazie alla simbiosi tra noi, tutto è stato più facile. Villa Marina? Sarà sempre una reggia sul mare». Per l’edificio, ora fatiscente, il Comune si dice Villa Marina due«fortemente interessato» alla ristrutturazione. Anche se il percorso, con due proprietà a dividersi l’ex Convitto a metà – Inps e Fondo Buonuscita – non appare facile. Esclusa la vendita si punta alla locazione, nella trattativa dove il Comune giocherà il ruolo di mediatore, investito dai vertici dell’Inps, Tito Boeri in testa, dopo il vertice dello scorso luglio. «Faremo il possibile per la ristrutturazione – nota l’assessore Giuliana Ceccarelli – Ne abbiamo parlato anche in giunta: è una struttura che fa parte della storia di Pesaro. La volontà è favorire una soluzione per il recupero». Obiettivo condiviso dagli ex ragazzi: «Questo luogo – ribadisce Glauco Martufi – è stato un’autentica fucina culturale. Ha prodotto docenti universitari, ingegneri, costruttori, ammiragli. La sua memoria va preservata». Intanto si scopre la targa – «Villa Marina, arco ideale tra mare e cielo» – davanti al prefetto Luigi Pizzi e a un novero di autorità. «Il futuro ha un cuore antico», ha scritto Carlo Levi.

Lascia una risposta

L'indirizzo email non verrà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <s> <strike> <strong>